19.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Tremila studenti in piazza: “Nessuna mediazione. Ogni scuola sarà una barricata”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Tremila studenti sono tornati in piazza oggi a Torino e da piazza XVIII dicembre sono partiti per ‘una passeggiata consapevole’ che attraverserà il centro. Una manifestazione convocata ad una settimana dalle tensioni e cariche avventure in piazza Arbarello, durante le proteste per la morte del 18enne Lorenzo avvenuta in uno stage alternanza scuola lavoro a Udine. “Per noi questo è un corteo vero e proprio- rivendicano gli studenti scesi in piazza questa mattina – determinati a ricordare che di lavoro e scuola non si muore”. Concetto che è ripreso dallo striscione che sarà in testa al ‘corteo’. “Siamo in piazza per Lorenzo. Vogliamo diritti, non le scuole azienda – sottolinea Simon Vial – Le manganellate della scorsa settimana non ci hanno scoraggiato e oggi siamo tornati in piazza”. In coda anche lo striscione della Fiom.

Mentre Sara dal microfono afferma: “Oggi teniamo botta abbiamo il dovere che questa giornata sia l’inizio di un percorso non c’è nulla da festeggiare noi ci siamo presi il corteo e dobbiamo dimostrare la nostra rabbia”.

“Non vogliamo pacche sulle spalle dal Pd che fa finta di essere con noi. – proseguono gli studenti – Questa è l’occasione di organizzarci. Devono partire altre iniziative nei prossimi giorni. Abbiamo dimostrato che non facciamo un passo indietro neanche con la testa rotta. I fatti noi li portiamo in piazza e non deleghiamo il parlamento oggi ci riprendiamo la città. La nostra protesta non è una passeggiata ogni scuola sarà una barricata”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano