20.5 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Toro, a Cagliari i granata subiscono ancora la “maledizione” di Conti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Doveva iniziare oggi, secondo le parole di Giampiero Ventura, il vero campionato del Torino. Ma se così è allora c’è da preoccuparsi: a Cagliari finisce 2-1 per i padroni di casa e con tanti rimpianti per il Toro. Perché i granata al Sant’Elia subiscono nuovamente la “maledizione” di capitan Daniele Conti, che con una doppietta sblocca la classifica del Cagliari. Proprio come l’anno scorso, quando finì 4-3 per i rossoblù sempre grazie a doppietta del capitano.
La partita sembrava ormai essersi assestata sul pareggio con una rete a testa: per il Cagliari su punizione proprio di Conti al 43’, complice anche una barriera granata inconsistente, e di Immobile per il Toro al 52’, che grazie ad uno splendido tiro su assist di El Kaddouri batte l’attento Avramov. Ma è di nuovo Conti a due minuti dallo scadere del tempo regolamentare a beffare Padelli su punizione, e per il Toro non c’è più nulla da fare. Il Cagliari negli ultimi minuti di gioco blocca la controffensiva granata, confusa e poco organizzata, schierandosi con tutto l’organico dietro alla linea del pallone.
Un Toro appare un po’ seduto e poco convinto nel portare a casa la partita, volenteroso a tratti ma soprattutto molto confuso in fase d’attacco, mentre i rossoblù, reduci da tre sconfitte consecutive, ci hanno creduto fino in fondo. Certo, a Cagliari Ventura aveva solo cinque giocatori titolari: l’infermeria granata è piena, ma se questa può essere un’attenuante certo non è una giustificazione. Ora la pausa per la Nazionale darà un po’ di respiro al Toro che cercherà di recuperare molti degli infortunati per affrontare al meglio il Catania in casa.
«Chiaramente dobbiamo migliorare sulla barriera – commenta a caldo l’allenatore granata Giampiero Ventura – Abbiamo fatto partita per tutto il tempo, poi abbiamo preso due gol su due punizioni: non va bene. Ci vuole un pizzico di determinazione in più». Padelli invece viene “assolto” dal tecnico, perché nulla poteva contro palle tirate con quelle angolazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano