24.9 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Torino chiede a Governo il ripristino dei fondi per piste ciclabili

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ripristinare i fondi per lo sviluppo della rete delle piste ciclabili. E’ l’appello che il Consiglio comunale rivolge al governo dopo che è stato approvato ieri un ordine del giorno in merito presentato dalla capogruppo di Sinistra ecologista, Alice Ravinale, in cui si sottolinea che “la mobilità dolce ha bisogno di maggiori investimenti, non di tagli”, e si chiede dunque al sindaco e alla Giunta “di farsi parte attiva presso il Governo, il Parlamento e l’Anci, affinché nell’iter parlamentare della Legge di Bilancio venga integralmente ripristinato e se possibile aumentato il finanziamento del Fondo per lo sviluppo delle reti ciclabili urbane”.
L’allarme della consigliera Ravinale è che “se approvata, la Legge di Bilancio provocherà problemi non indifferenti alla nostra città dal momento che dispone l’azzeramento del fondo per la realizzazione di piste ciclabili urbane, delle zone 30 e per le infrastrutture generali sulla ciclabilità, cancellando i 94 milioni di euro previsti per gli anni 2023 e 2024. Il passaggio alla mobilità dolce – aggiunge – è un cambio di passo fondamentale, anche culturale, che nella nostra città è necessario anche a fronte dei dati drammatici sulla qualità dell’aria, senza dimenticare la sicurezza stradale, un enorme problema ovunque”. Per rendere più forte il messaggio, lo stesso ordine del giorno è stato presentato anche a Bologna, Milano, Trieste e Genova. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano