25.4 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Scala: menu verdiano per i 500 ospiti della cena di gala dopo la Prima

Più letti

Nuova Società - sponsor

(Adnkronos) –
Sarà Enrico Bartolini a firmare il menu della Cena di Gala della Scala che si terrà a Milano alla Società del Giardino il 7 dicembre al termine della Prima che aprirà la stagione scaligera 2023. Per Bartolini è un ritorno: già nel 2019 lo chef era stato scelto da Caffè Scala per la realizzazione della cena di Sant'Ambrogio.  
In omaggio a Giuseppe Verdi e al suo "Don Carlo", lo chef Bartolini – che al momento conta un palmarès di tredici stelle Michelin – ha creato per i 500 invitati un menu che celebrerà con modernità la cucina delle terre verdiane, interpretando antichi sapori e ingredienti del territorio con la raffinata visione contemporanea che caratterizza la sua cucina.  “Sono onorato – ha commentato Enrico Bartolini – di essere stato nuovamente coinvolto da Salvatore Quartulli, anima di Caffè Scala, in un evento così prestigioso. Con Davide Boglioli, executive chef del nostro ristorante tre stelle al Mudec, abbiamo studiato un menu che potesse raccontare la grande tradizione gastronomica italiana attraverso la tipicità di una terra generosa come l’Emilia e alcuni tra i piatti più amati da Verdi. Il tutto con il prezioso contributo di Edoardo Montagni, il nostro Event manager, che insieme a Davide e a me ‘confezionerà’ questa speciale esperienza in uno scenografico allestimento che evocherà l’atmosfera della Spagna alla metà del Cinquecento”. 
Il menu si aprirà con un antipasto che onora la più autentica tradizione emiliana: Parmigiano, pepe e puntarelle, Panada emiliana e tartufo, Focaccia al rosmarino con Spalla di San Secondo. Come prima portata, l’immancabile Risotto, per l’occasione con porcini, anice e amarene: in omaggio non solo alla cultura milanese, ma anche e soprattutto a Giuseppina Strepponi, celebre soprano e seconda moglie del Maestro Verdi, originaria di Lodi (quindi lombarda doc) particolarmente appassionata di questo piatto. La seconda portata sarà una pietanza 'classica' che avrebbe reso felice il Maestro, grande estimatore delle carni bianche e della mostarda: Faraona, mostarda e cime di rapa. Per concludere in dolcezza, la Corona Don Carlo, con mele, spezie e grano saraceno.Ad accompagnare i piatti, le bollicine dei Franciacorta firmati Bellavista, che al teatro milanese ha dedicato una delle sue cuvée più pregiate: il Brut Teatro alla Scala che farà il suo debutto con il millesimo 2019 insieme all’Alma Grande Cuvèe Brut, al Petra Toscana Rosso Igt 2020, al Nectar Demi-sec e al Distillato di vino Arzente.  —spettacoliwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano