24.7 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

Rivolta al Cpr di Torino, mattoni contro le forze dell’ordine: 13 feriti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Undici poliziotti e due militari sono rimasti feriti in una rivolta scoppiata ieri notte nel Centro di permanenza per il rimpatrio di Torino.

I migranti hanno divelto i mattoni dei muri dell’area viola, ristrutturata di recente dopo i danni causati da un incendio appiccato durante una sommossa, e li hanno lanciati contro le forze dell’ordine. La rivolta all’interno del Cpr al termine della mobilitazione anarchica contro i Centri: presidi e cortei che, da venerdì 31 gennaio, si sono alternati fuori dal complesso di corso Brunelleschi.

Gli investigatori della Questura stanno analizzando i filmati delle telecamere di sorveglianza per individuare i responsabili.

Commenta quanto accaduto il presidente del consiglio regionale del Piemonte Stefano Allasia: «Esprimo solidarietà alle forze dell’ordine per l’ennesima aggressione avvenuta questa notte presso il Centro di permanenza per il rimpatrio di corso Brunelleschi a Torino. È inaccettabile che undici poliziotti e due militari siano rimasti feriti colpiti da mattoni mentre facevano il loro lavoro. Atti come questi sono da reprimere con fermezza. Dietro a queste violenze c’è una regia occulta guidata dalle frange estremiste degli anarchici . Le rivolte presso il Cpr di Torino sono ormai all’ordine del giorno, nessuna tolleranza verso delinquenti e violenti, serve il pugno duro».

«Esprimo la mia piena solidarietà agli uomini delle forze dell’ordine che questa notte sono stati vittime di lancio di mattoni e oggetti durante l’ennesima rivolta avvenuta al CPR di corso Brunelleschi. La situazione è grave e bisogna procedere immediatamente al rimpatrio dei criminali che si macchiano di questi gesti – afferma l’assessore regionale alla sicurezza Fabrizio Ricca -. È l’ora di dire basta a questa violenza continua, rinfocolata dai centri sociali che sostengono chi aggredisce le forze dell’ordine».

«Basta violenze. Solidarietà agli agenti feriti» – dichiara la parlamentare di Fratelli d’Italia Augusta Montaruli.

«Dopo gli incendi delle scorse settimane, i clandestini del Centro di permanenza e rimpatrio, supportati come di consueto dal movimento anarchico, ieri notte hanno pensato bene iniziare una rivolta lanciando mattoni – spiega Montaruli – . Quella del CPR è una situazione insostenibile, che obbliga le forze dell’ordine ad uno sforzo inaudito e inaccettabile. È evidente che essere l’unico CPR del Nord Italia voglia dire, per i nostri agenti, svolgere un lavoro che per carenza di organico e leggi buoniste non è più dignitoso. Nelle prossime settimane è prevista una visita della Commissione Affari Costituzionali, intanto però chiediamo che gli immigrati coinvolti vengano rimpatriati immediatamente».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano