9.3 C
Torino
mercoledì, 28 Settembre 2022

Processo Ream: assolti Appendino, Giordana e Rolando

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Tutti assolti. L’ex sindaca di Torino Chiara Appendino, il suo ex capo di Gabinetto Paolo Giordana e l’ex assessore al Bilancio Sergio Rolando, sono stati assolti nel processo di appello per il caso Ream. La Procura generale aveva chiesto una condanna a nove mesi per Appendino, che in primo grado, nel settembre 2020, Appendino era stata condannata a sei mesi per un capo d’accusa di falso ideologico relativo al 2016; all’assessore Sergio Rolando furono inflitti sei mesi, all’allora capo di gabinetto Paolo Giordana otto mesi. Il caso riguarda il mancato inserimento nel bilancio di un debito di 5 milioni contratto dal Comune nei confronti della società Ream. “Sono state lacrime liberatorie. Ma anche lacrime di gioia. È stata confermata la mia buona fede”, ha detto Chiara Appendino, dopo la sentenza di assoluzione pronunciata dalla Corte di Appello. “E’ stata una pagina dolorosa –  ha aggiunto – ma ora sono contenta e non vedo l’ora di riabbracciare la mia famiglia”. “Per me rappresenta la fine di un incubo durato sei lunghissimi anni, durante i quali le persone a me care e i miei avvocati mi hanno dato la forza di reggere”, commenta Paolo Giordana, l’ex capo di Gabinetto “Per una persona onesta trovarsi sotto processo è un peso enorme da sopportare, peso che inevitabilmente ricade anche sulle persone con le quali si condividono le gioie e i dolori della vita”, aggiunge Giordana che non era presente alla lettura della sentenza. “Spero di aver fatto tesoro di questa prova e da questa assoluzione riparto perdonando coloro che hanno trasformato la dialettica politica in una guerra di demolizione sistematica dell’avversario. Mi auguro per tutti e per la mia Torino che amo e che servo con dedizione che non accada mai più”, conclude Paolo Giordana che in primo grado era stato condannato ad otto mesi. “Sono contentissimo per Chiara, Sergio e per Giordana, erano anni complicati per i conti della città, e hanno avuto un coraggio enorme nel prendersi in carico quel fardello ereditato”. Antonino Iaria, assessore all’Urbanistica nella giunta Appendino, è tra i primi a commentare l’assoluzione in secondo grado nel processo Ream dell’ex sindaca di Torino del suo capo di Gabinetto, Paolo Giordana, e dell’ex assessore al Bilancio Sergio Rolando. “Adesso – aggiunge Iaria – i conti della città lasciati in eredità alla nuova giunta sono migliori, senza contare tutti i finanziamenti che arriveranno su progetti proposti da noi”. “Ho sempre saputo che Chiara Appendino ha agito nell’interesse del Comune, della casa di tutti i cittadini, e non già per sé stessa o per altri”, Così Valentina Sganga, consigliera comunale M5s e candidata sindaca. “Ma queste vicende hanno un peso umano che difficilmente immaginiamo, per questo oggi sono davvero felice per lei!E ora che la giustizia ha accertato la verità, chi per anni ha speculato politicamente, dovrebbe almeno vergognarsi un po’”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano