20.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Pd, Fabrizio Morri è il nuovo segretario a Torino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Partito Democratico avrà un nuovo segretario a Torino: si tratta di Fabrizio Morri, ex parlamentare renziano sostenuto dal sindaco Piero Fassino e già membro della commissione Lavori Pubblici e di quella della Vigilanza dei Servizi Radiotelevisivi a Montecitorio. Anche se non c’è ancora niente di ufficiale, i voti raccolti non lasciano molti dubbi, dal momento che ieri, secondo il suo staff, avrebbe già totalizzato oltre il 50% (precisamente il 50,28% e 115 delegati dell’assemblea provinciale che lo appoggiano) delle preferenze tra i congressi di Nichelino, Borgaro, Coazze e Nizza-Lingotto. Ora l’attesa fino alla sera di mercoledì prossimo, quando sarà conclusa l’ultima delle 21 riunioni di circolo ancora da fare, è praticamente una formalità.
Nettamente staccato il secondo Aldo Corgiat, sindaco di Settimo cuperliano, che raggiunge il 30,09%, con 52 delegati provinciali. Il terzo, Matteo Franceschini Beghini, con il 10,11% e 25 delegati supera il segretario uscente Alessandro Altamura, membro della commissione Bilancio, ultimo con il 9,5%.
Soddisfatto il capogruppo in Sala Rossa del Pd Michele Paolino: «Questa mi sembra una buona cosa – afferma – penso che Morri sia la persona giusta per portare al partito una ventata di rinnovamento senza strappi. Non ha alcuna rilevanza che sia renziano o cuperliano, quello che importa è la persona». Una risposta più o meno velata, la sua, a chi ha per lungo tempo definito polemicamente il Pd dilaniato da lotte interne, da correnti e controcorrenti. «Ora – continua Paolino – bisogna lasciarsi alla spalle al più presto le nebbie dei congressi. La priorità è tornare ad essere presenti sui grandi temi sociali, come il lavoro e la povertà, e intervenire nel sistema produttivo della città». Intanto non si placa la polemica sul caos tessere, tra irregolarità e iscritti all’ultimo momento.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano