16 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

No Tav, gli imputati revocano i loro avvocati. Slogan e udienza sospesa

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Slogan, lettura di comunicati, revoca degli avvocati e udienza sospesa. La protesta No tav va in scena nell’aula bunker delle Vallette in cui si tiene il maxi processo nei confronti dei 53 attivisti No Tav per gli scontri del 2011 in Val di Susa.
Più di trecento antagonisti sono entrati nell’aula esponendo bandiere No Tav. Uno degli imputati ha letto la revoca dei loro avvocati: «Con tutto il rispetto per i nostri legali – ha dichiarato – revochiamo definitivamente, salvo un reale cambiamento di atteggiamento della corte, gli avvocati che ci hanno assistiti dal nostro arresto». «In questo processo la difesa – aveva detto prima – viene azzerata e svilita. Le parti civili recitano parti ambigue. E contestiamo l’etichetta di pericolosi socialmente che ci hanno affibbiato. Il discorso non è violenza si o violenza no, ma contro cosa si resiste a cosa ci si oppone».
«Quando nomineremo gli avvocati d’ufficio – ha concluso – sappiate che parleranno per voi e non per noi». «Questo processo sin dai suoi esordi – ha dichiarato poi un altro imputato – si è palesato non come un dibattimento volto all’accertamento dei fatti e a stabilire eventuali responsabilità, ma come un dibattimento a senso unico, quello della procura torinese, in totale assenza di arbitri imparziali».
«Per questo motivo siamo giunti alla conclusione che qualsiasi sforzo generoso da parte dei nostri difensori sarà sempre vanificato dal clima di ostilità che si respira in quest’aula. Pensavamo di essere processati per ipotesi di reato, ma ci siamo accorti nel corso del procedimento che siamo processati non per quello che potremmo aver fatto ma per quello che siamo».
«Per queste ragioni – ha proseguito – abbiamo deciso di disertare questo processo. Abbandoniamo quest’aula, lasciandovi liberi di sperimentare i nuovi metodi di procedura legale da usarsi contro il movimento No Tav e ce ne andiamo in Val Clarea, luogo simbolo della nostra resistenza alla devastazione della Val Susa, per testimoniare ancora una volta la nostra determinazione e il nostro impegno in questa lotta».
Gli attivisti poi si sono mossi con macchine e pullman per raggiungere Giaglione da dove sfileranno in corteo fino al cantiere Tav di Chiomonte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -

 
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...

Ream, Lo Russo e Carretta: “Giudizio politico negativo non cambia, serve guardare a futuro”

Il Partito Democratico commenta la sentenza del processo Ream che condanna Chiara Appendino a sei mesi per falso in atto pubblico. Commenti...

Processo Ream, Appendino condannata per falso in atto pubblico

La sindaca Chiara Appendino è stata condannata per falso in atto pubblico relativo al bilancio 2016 nell'ambito dell'inchiesta che la vedeva imputata...

Ream, la sentenza per Appendino alle 15 ad urne chiuse

La sentenza del processo Ream che vede tra gli imputati Chiara Appendino, il suo ex capo di gabinetto, Paolo Giordana, e l’assessore...