27.6 C
Torino
martedì, 16 Luglio 2024

‘Ndrangheta in Piemonte, restano in carcere Rosso e Burlò

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’ex assessore regionale del Piemonte Roberto Rosso e l’imprenditore Mario Burlò restano in carcere. Entrambi sono stati rinviati a giudizio pochi giorni fa nell’ambito dell’inchiesta ‘Fenice’ sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Piemonte.

Il giudice del tribunale di Torino Elena Rocci ha respinto le istanze che chiedevano la sostituzione del carcere con gli arresti domiciliari.

“Rispettiamo tutti i provvedimenti dei giudici anche se dopo 6 mesi che Burlò è detenuto siamo un po’ sconcertati”, dichiara l’avvocato Domenico Peila, che difende Burlò. In precedenza erano state respinte anche le istanze per i domiciliari presentate dai legali dell’imprenditrice Enza Colavito e di Carlo De Bellis.

“Auspico che emerga la realtà durante il dibattimento”, conclude l’avvocato di Colavito, Alessandro Paolini.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano