19 C
Torino
domenica, 20 Settembre 2020

Muore migrante nel Cpr di Torino: scontri in strada e rivolta nel centro

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società.

La morte nel reparto infermeria del Centro Permanenza e Rimpatrio di Torino, in corso Brunelleschi, di un migrante del Bangladesh di 32 anni è stata la miccia che ha fatto scoppiare una rivolta all’interno dell’ex caserma e scontri in via Monginevro tra polizia e antagonisti.
Le proteste sono scoppiate all’interno del Cpr quando era arrivata la notizia che un bengalese senza fissa dimora era morto nella notte, dopo il trasporto nel reparto di infermeria. Le sue condizioni sarebbero state già precarie al suo arrivo.
I migranti per protestare hanno acceso dei piccoli incendi, mentre in serata manifestanti, soprattutto anarchici, si sono dati appuntamenti alle 21.30 sotto le mure del Cpr per portare solidarietà. Dal tam tam di Facebook veniva spiegato che si vedevano colonne di fumo arrivare dall’interno della struttura, frutto probabilmente, secondo i manifestanti, di lanci di lacrimogeni. Sempre secondo i solidali all’interno del Cpr era stato utilizzato anche un idrante per sedare la rivolta. Dopo le 22.30, però, la polizia ha caricato in via Monginevro per allontanare i manifestanti.
Chi è sceso in strada per dare solidarietà ai migranti il 32enne deceduto, secondo il medico legale per cause naturali,sostiene che la vittima «non avrebbe avuto le cure sanitarie di cui aveva bisogno».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il Covid svela il segreto di Pulcinella: precariato usato, abusato, malpagato

L'emergenza Covid sbatte in faccia, a chi faceva finta di non vedere, l'uso e l'abuso del precariato nel mondo del lavoro che...

Recovery Fund e agricoltura, Carenini (Cia Piemonte): “Fondi per rilanciare il settore”

Agricoltura, patrimonio della nostra economia. Un settore che durante il lockdown non si è è fermato, e che oggi conta di poter...

Febbre a scuola, il Tar respinge il ricorso del Ministero contro l’ordinanza di Cirio

Il Tar del Piemonte non ha accolto la richiesta del Governo di una sospensiva d’urgenza in via monocratica per l’ordinanza della Regione...

No Tav, Dana Lauriola è stata arrestata. Tensione tra attivisti e polizia a Bussoleno

E' avvenuto questa mattina all'alba l'arresto di Dana Lauriola, storica attivista No Tav e militante del centro sociale Askatasuna, condannata a due...

RU 486, Appendino contro la Regione: “Becera propaganda sul corpo delle donne”

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene in merito alla proposta della giunta regionale del Piemonte di abolire la somministrazione della pillola...