27.8 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Movida, Appendino firma le nuove regole per week end e San Giovanni

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

E’ stata firmata dalla sindaca Chiara Appendino l’ordinanza che regola la movida a Torino nei prossimi due week end e per la festa di San Giovanni.

Il provvedimento disciplina gli orari di esercizio delle attivita’ e di vendita in citta’ nelle giornate di domani, sabato 20, martedi’ 23, mercoledi’ 24, venerdi’ 26 e sabato 27 giugno. L’ordinanza dispone la chiusura di locali e attivita’ di vendita e consumo di cibi e bevande dalle 2 alle 6 e il divieto di vendita per asporto di alcolici e superalcolici a partire dalle 21.

In vigore anche restrizioni per i distributori automatici con divieto di vendita di bevande alcoliche dalle 21 alle 6. Tutte le attivita’ dovranno essere esercitate nel rispetto delle norme e prescrizioni in materia igienico-sanitaria, dei protocolli, delle Linee guida nazionali e delle “Linee di indirizzo per la riapertura delle Attivita’ Economiche e Produttive” dettate con Decreto del Presidente della Regione Piemonte n. 68 del 13 giugno 2020.

In caso di violazione dell’ordinanza e’ prevista una sanzione amministrativa che va da un minimo di 400 euro a un massimo di 1000 euro oltre a eventuali sanzioni accessorie. Inoltre, con un’altra ordinanza, l’Amministrazione ha previsto la pedonalizzazione temporanea di Lungo Po Cadorna.

Nello specifico, dalle 18 di domani alle 2 del 20 giugno e dalle 18 del 20 giugno alle 2 del 21 giugno in lungo Po Cadorna, nel tratto compreso tra corso San Maurizio e piazza Vittorio Veneto e nel tratto compreso tra via Bava e lungo Po Cadorna, saranno vietate sia la circolazione, sia la sosta (ad eccezione dei veicoli di soccorso, della Forza Pubblica e di coloro che devono raggiungere le proprie abitazioni). Il provvedimento e’ stato deciso nell’ultima riunione del Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano