27.8 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Magliano (Moderati): “Cinque Stelle lasciano a terra la disabilità”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“Fatto grave ed ennesima occasione persa”. Il Capogruppo Moderati, in Consiglio Comunale a Torino, Silvio Magliano, sulla pianificazione della mobilità urbana durante la “Fase 2”, dopo l’esclusione del Disability Manager della Città di Torino dalla programmazione e dalla discussione.

Spiega Magliano: “La Giunta presenta in Commissione, nel pomeriggio di ieri, il nuovo piano per la mobilità per la cosiddetta Fase 2, ma dimentica la disabilità”.

“Mi chiedo a che cosa sia servito dotarsi di un Disability Manager – continua – se poi si esclude questa figura dalla discussione in Commissione e non la si coinvolge nella fase di analisi e programmazione, durata settimane. Lo ha reso noto lo stesso Avvocato Franco Lepore. Questa Amministrazione continua a fare scelte ignorando una consistente parte dei torinesi”.

Aggiunge Magliano: “Questa dinamica, che abbiamo imparato a conoscere e che oggi si è nuovamente presentata, non è più accettabile. Il Disability Manager della Città avrebbe potuto e dovuto apportare il proprio fondamentale contributo: invece è stato scavalcato e ignorato. Questo ci fa capire quanto la sua sia considerata una figura di mera facciata e non, invece, una figura realmente operativa”.

“A parole i Cinque Stelle non perdono occasione per ribadire la loro attenzione nei confronti delle persone con disabilità, ma nei fatti agiscono come se queste ultime, così come gli anziani e tutti i torinesi con limitata mobilità, non esistessero. Di fronte alla complessità della nostra società e del mondo le dichiarazioni ideologiche su mobilità dolce e controviali con limite di velocità ai venti chilometri l’ora non sono sufficienti: occorre occuparsi anche di chi si muove su quattro ruote, quelle di una carrozzina, non per scelta, ma per necessità” conclude Silvio Magliano.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano