7.3 C
Torino
martedì, 13 Aprile 2021

Icardi: “Novità su AstraZeneca complica vaccinazioni”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La nuova indicazione per cui AstraZeneca è un vaccino preferibile dal 60 anni in su potrebbe complicare la campagna vaccinale in Piemonte. Lo dichiara l’assessore alla Salute Luigi Icardi per il quale: “Il vaccino di AstraZeneca, secondo le ultime indicazioni dell’Istituto superiore di Sanità è approvato a partire dai 18 anni ma, tenuto conto del basso rischio tromboembolico a fronte dell’elevata mortalità da Covid nelle fasce di età più avanzate, è raccomandato a partire dai 60 anni. Questo complica un po’ la campagna vaccinale perché dovremo riorganizzarci, ma siamo già al lavoro”.

“Questa novità ci impone una riflessione – ha aggiunto Icardi – perché noi abbiamo avviato la campagna vaccinale con il vaccino di AstraZeneca che poteva essere somministrato solo sotto i 55 anni. Si è poi dimostrato che funzionava bene ed è stato liberalizzato dai 18 anni, e così siamo andati avanti fino a ieri. Poi alcuni fenomeni di tromboembolia hanno fatto rivedere all’Aifa le indicazioni, che ora lo raccomandano per gli over 60. Questo vuol dire che per le fasce di età sotto i 60 anni dobbiamo rimodulare la campagna per vaccinare queste persone con un vaccino a Rna messaggero”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano