20.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

I lavori di riqualificazione del carcere delle Vallette sono opera dei detenuti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Gli interventi di riqualificazione del carcere Lorusso e Cutugno, nel quartiere Vallette di Torino sono stati realizzati dagli stessi detenuti. Gli interventi effettuati fanno parte dei progetti “Liberi Bimbi” e “Liberiamo le competenze”, e hanno riguardato in particolare il settore energetico. I reclusi infatti, hanno lavorato all’impermeabilizzazione del tetto e alla riqualificazione energetica del teatro della casa circondariale torinese e si sono occupati della ristrutturazione della palazzina dei detenuti semiliberi che da marzo ospiterà le mamme recluse con i propri figli.
Si tratta di progetti promossi e finanziati dalla Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri Onlus, da Saint-Gobain Italia, la Regione Piemonte e la Compagnia di San Paolo. Quaranta in tutto i detenuti che hanno lavorato alla riqualificazione e al corso di 600 ore, mentre il nuovo centro potrà accogliere undici madri-detenute con i loro bambini.
«Si parla sempre di umanizzazione del carcere, pena utile e rieducazione – sottolinea il direttore della Casa Circondariale Domenico Minervini – concetti che vanno declinati con contenuti sostanziali. Con questi progetti siamo riusciti a fare un passo in questo senso» ha concluso il direttore.
Soddisfatti anche i detenuti che hanno parlato di «un’esperienza importante» e raccontano di come durante i lavori sia sia creato un gruppo. «Ci siamo aiutati fra noi e abbiamo imparato cose che speriamo possano servirci per trovare lavoro quando torneremo liberi» hanno commentato. «Poter star fuori dalle celle per fare un’attività formativa e lavorativa non è una cosa da poco. E quando esci la percentuale del pericolo di recidiva diminuisce in rapporto a quanto hai imparato».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano