19.5 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Grimaldi replica a Icardi: “Si dimetta o ci vedremo in commissione di inchiesta”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“Dopo i disastri della fase 1 Icardi si permette di dire a Vineis e Fazio che le loro sobrie critiche sono sciocchezze? Continua a dare degli sciacalli e dei beceri ai consiglieri di opposizione? Si autoassolve per l’ennesima volta e accusa di irresponsabilità i cittadini e di faziosità (di nuovo) i medici? Dice oggi che la fase 2 andava rinviata? Si chiede quali errori gli si imputino? Parla di 41 bis? Bisogna veramente essere senza vergogna o in preda al delirio, tanto da farsi dire dal proprio Presidente che si è mancato di senso istituzionale. Sembra quasi che l’Assessore voglia gettare la spugna: lo faccia e si dimetta”.

Queste le dichiarazioni del Capogruppo di Liberi Uguali Verdi, Marco Grimaldi, commentando l’intervista dell’Assessore Icardi e la discussione in Capigruppo, durante la quale lo stesso Cirio si è detto perplesso e ha redarguito Icardi.

“Una strage annunciata nelle Rsa, con un mese senza provvedimenti e poi una delibera fantasma che appare e scompare producendo effetti gravissimi, nessuna sorveglianza attiva, USCA inesistenti, tamponi inaccessibili, DPI inadeguati, medici completamente abbandonati. Questa è stata la fase 1 della Giunta Cirio che ha creato il ‘caso Piemonte’ – prosegue Grimaldi. – Icardi nega l’evidenza, parla già di un ripetersi del contagio, come se lui fosse ‘l’uomo della strada’ e non il membro di una Giunta che ha fatto i decreti, e persiste a non rispondere ad alcuna domanda su come si eviteranno gli errori commessi, perché quando saranno ripetuti potrà dare la colpa alle persone che passeggiano al parco e non all’assenza di tamponi a tappeto. Ma non si preoccupi: noi ci vedremo martedì in Aula e poi se la maggioranza non ha paura in commissione d’inchiesta”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano