21.6 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Governo, Sallusti: “L’obiettivo di Giorgia Meloni è governare 10 anni”

Più letti

Nuova Società - sponsor

(Adnkronos) – "La sua grande ambizione è di governare dieci anni". Così Alessandro Sallusti, direttore de 'Il Giornale', riferendosi alla presidente del Consiglio Giorgia Meloni, nel corso dell'intervista a 'Gli incontri del Principe 2023' a Viareggio (Lucca), un'occasione per presentare nuovamente il libro 'La versione di Giorgia'. "Se è vero, come immagino che sia quello che lei racconta in questo libro, a lei delle pagelle del primo anno di governo non frega nulla. Il suo obiettivo non è governare il Paese ma cambiarlo. Sostiene che per cambiare questo Paese ci vogliono dai cinque ai dieci anni", ha aggiunto.  Per la premier, ha proseguito Sallusti, "la mamma di tutti i problemi di questo Paese è che è cambiato presidente del Consiglio ogni anno e mezzo negli ultimi quindici anni. Da qui la sua ossessione di fare una riforma istituzionale che impedisca questi continui cambi di governo". "Ho visto la presidente del Consiglio gattonare per giocare con la figlia, in tuta da casa. L'unica cosa che soffre è la perdita di libertà, credo che in questo sia molto sincera", ha detto ancora Sallusti. "Non credo che la preoccupi molto il referendum istituzionale anche se ci sono dei precedenti", ha continuato il giornalista. Riferendosi a Matteo Renzi e Matteo Salvini, Sallusti ha raccontato di aver consigliato a Meloni di “non compiere gli errori che hanno compiuto due persone che avevano vinto il biglietto della lotteria e che l'hanno stupidamente buttato via. E lei disse: questo errore non lo farò". "Sul referendum – ha proseguito Sallusti – è convinta di una cosa. Che l’errore che commise Renzi fu di porre una questione referendaria totalmente incomprensibile. Quindi non le fa paura nemmeno il referendum anche se non vuole legare il suo destino a questo". Quanto all'"opposizione la stanno facendo i sindacati e la magistratura e questo è pericoloso. Parliamo di due entità che hanno diritto di cittadinanza ma che non sono espressione degli elettori ma sono delle caste, delle cupole". "La manovra economica più di quello non poteva fare – ha proseguito –, perché quindi fare uno sciopero generale a settimana se non per motivi politici?". Rispetto alla posizione dell'Italia sulla guerra in Ucraina, "la linea che sta tenendo Giorgia Meloni non è condivisa soprattutto dagli elettori di Fratelli d'Italia, per niente favorevoli agli aiuti militari". "Meloni – ha proseguito Sallusti – capisce che i suoi elettori non approvino quello che fa, perché è così complicato che non è possibile che la gente che nella vita fa altro capisca che se non appoggi l'Ucraina esci dal consesso internazionale. Ma lei continua perché la differenza tra chi segue l’opinione pubblica e chi prova a guidarla è questa". "Meloni è favorevolissima al raggiungimento della pace a patto che non si intenda la resa dell’Ucraina. Per Meloni l'unico modo per raggiungere la pace è che la diplomazia abbia delle carte per raggiungere l’accordo. L'unico modo è di creare una situazione di stallo sul terreno dove tutti e due si convincono che non possono arrivare all'obiettivo prefisso. A quel punto la diplomazia può avere una chance", ha affermato ancora. "Non sono andato a trovare Berlusconi perché non era più possibile. L'ho sentito fino all'ultimo, l'ultima telefonata è stata a quindici giorni prima della morte. In alcune telefonate era il Berlusconi che abbiamo conosciuto, lucido. In altre molto affaticato", ha affermato Sallusti. "A leggere i giornali sembra che domani Salvini si trovi con capi di gruppi terroristici o con partiti extraparlamentari. Salvini si trova con politici che fanno parte invece legittimamente della democrazia del loro Paese. La cosa assurda è metterlo in discussione e dire che non può vedere Le Pen. Poi, forza anche se stesso per spostarsi dalla Meloni per crearsi uno spazio dove lei non arrivi. Certo che lui al centro ha pochi spazi perché Meloni sta coprendo il centro, e gli spazi che restano liberi sono più a destra. Ma resta tutto legittimo".  —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano