22.2 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Coronavirus, Canalis (Pd): “Male blackout dati Als Cn2”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La consigliera regionale Monica Canalis, vicesegretario del Partito Democratico del Piemonte, stigmatizza “il blackout dei dati Covid-19 dell’Asl Cn2”, avvenuto con “la disattivazione del portale contenente i dati clinici dei pazienti contagiati, fatta senza garantirne la migrazione”. E chiede alla Regione di “risolvere al più presto il problema, perché il monitoraggio dei pazienti non può subire interruzioni”.

“Ieri alle 18 – spiega Canalis – il portale contenente i dati clinici dei pazienti, usato in Asl Cn2 da oltre un mese, è stato disattivato per passare alla nuova Piattaforma Covid, annunciata il 4 maggio. Ma non è stata garantita la migrazione dei dati e l’accesso dei medici è stato interrotto”.

“Le Unità Speciali di Continuità Assistenziale per la presa in carico domiciliare dei pazienti Covid-19 – aggiunge – in Piemonte sono ancora decisamente poche e se il passaggio alla nuova piattaforma non viene assicurato in modo efficiente rischiano la paralisi. Nel nuovo portale non sono ancora accessibili tutti i dati inseriti per la continuazione della presa in carico da parte dei medici Usca e dei medici di base. La nuova procedura, non condivisa con medici e sindacati, e non è stata testata e presenta notevoli difficoltà tecniche”.

“L’accaduto è grave – afferma – perché sui dati dei pazienti curati a domicilio e sul loro monitoraggio si gioca la sfida dei prossimi mesi contro il virus. Il Piemonte è molto arretrato sulla sorveglianza attiva dei pazienti e questo episodio accresce il nostro allarme”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano