27.8 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Barriera di Milano, volante accerchiata e disordini per la vittoria del Senegal 

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Momenti di tensione in Barriera di Milano la scorsa notte quando un gruppo di persone è sceso per strada per festeggiare la vittoria del Senegal nella Coppa d’Africa, nella partita conclusasi ai rigori contro l’Egitto. 

I festeggiamenti, come denuncia un video che sta circolando in rete, si sono trasformati in disordini in corso Palermo quando un gruppo ha rovesciato i cassonetti e attaccato una volante intervenuta sul posto prendendo a calci e accerchiando la macchina e costringendo i poliziotti a fuggire.

Il video è stato condiviso anche dall’ex consigliere comunale Raffaele Petrarulo che osserva come “la situazione in Barriera di Milano non è gestibile con macroperazioni una tantum” e chiede invece un consiglio aperto sul tema. 

Anche gli esponenti di Fratelli d’Italia l’assessore regionale Maurizio Marrone e la parlamentare Augusta Montaruli commentano quanto accaduto: “Mentre Lo Russo dorme, Torino ormai sta diventando una banlieue in cui le strade vengono devastate per festeggiare la vittoria del Senegal alla finale di Coppa d’Africa. Anni di governo Pd e M5S e questo è il risultato”, hanno dichiarato. 

“I video parlano chiaro – proseguono Marrone e Montaruli -, bande di immigrati africani che aggrediscono le volanti della polizia nel quartiere, costringendole alla fuga, e poi generano il caos in strada. Di sicuro per loro lo psicologo da strada proposto dal sindaco è una barzelletta. Serve che anche l’amministrazione comunale si impegni più seriamente”. “Presenterò un’interrogazione al Ministro dell’Interno – conclude Montaruli – per chiedere conto di come sia possibile arrivare a situazioni come questa”.

Guarda il video

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano