17.8 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Appendino tentenna alla prova Olimpiadi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Mi auguro che il Coni bocci la candidatura di Torino». «Resta valida l’opzione zero». «Io voto no».
Sindaco ha capito che cosa hanno detto, con toni diversi, i suoi consiglieri Paoli, Albano, Pollicino, Ferrero e Carretto?
È convinta di avere la maggioranza del suo Gruppo sulle Olimpiadi, se dovessimo votare?
Perché vede Sindaco, le affermazioni dei suoi consiglieri sono gravi e tolgono ogni credibilità al dossier olimpico.
Se lei fosse veramente il Sindaco di questa Città e avesse a cuore gli interessi di Torino, direbbe ai suoi consiglieri: le Olimpiadi sono importanti per la Città a prescindere dalla mia maggioranza, per cui io chiedo il voto di questo Consiglio. E stia sicura, lo avrà.
Ma lei è solo un re travicello o forse anche meno, prigioniera di una maggioranza che in parte non si riconosce in Lei.
Ed allora Signor Sindaco Le voglio fare tre semplici domande:
Sindaco, veramente nel corso del dibattito dei giorni scorsi con i suoi consiglieri ha minacciato di dimettersi?
Sindaco, veramente ha minacciato di mandare tutti a casa?
Sindaco, è vero che nel corso del dibattito è intervenuto suo marito a cercare di sedare gli animi?
E poi Sindaco, che risultato ha portato l’intervento di Di Maio?
Le dichiarazioni dissonanti, apparentemente anche coraggiose, dei suoi consiglieri sono un risultato imbarazzante.
E voi consiglieri Cinque Stelle che avete manifestato contrarietà alle Olimpiadi siete in pace con la coscienza?
Dite no, ma sapete che non essendoci un voto non dovete pagare pegno, restando così fedeli non ad un principio di coerenza e di tutela degli interessi della Città, ma solo ed esclusivamente fedeli e coerenti con il vostro essere consiglieri e con quello che ciò comporta …..
Napoli ha parlato di consenso di diversi stakeholders per le Olimpiadi del 2006.
(Castellani, Ghigo, Chiamparino, il Generale Romano, Agnelli). Ma oggi dove sono gli altri stakholders, che ruolo hanno avuto? Nessuno, mi pare. Ed allora Sindaco il consenso dei cittadini favorevoli alle Olimpiadi come viene rappresentato da Lei che oggi ha parlato, senza successo, solo ed esclusivamente alla Sua maggioranza senza avere il coraggio di rivolgere lo sguardo in Aula ai banchi dell’opposizione.
Io credo Signor Sindaco, che questo dibattito ridicolo e surreale, ci fornisce la prova che l’unico consenso che Lei è riuscita a portare a casa sulle Olimpiadi è quello della paura di andare tutti a casa, con quello che ne consegue.
Ma se questa è la realtà Signor Sindaco dimostri coraggio, ne tragga le conseguenze e a sostegno di una candidatura che, dopo il dibattito di oggi, non potrebbe essere politicamente più debole, abbia il coraggio di chiedere il voto al Consiglio: avrà il voto favorevole e darà un po’ di forza alla candidatura.
Perché è noto che io non provo alcuna simpatia per Lei, ma in questa circostanza umana compassione sì e, dopo questo dibattito in cui è stata maltrattata da alcuni suoi consiglieri credo debba dimostrare di non essere come Don Abbondio e tutelare la candidatura olimpica della Città.
Intervento in Consiglio Comunale di lunedì 2 Luglio 2018
Scritto da Alberto Morano, consigliere comunale di Torino “Lista Morano”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...