20.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Appendino: gli enti locali non sono un un mezzo per ripianare i deficit di Stato

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

«Occorre ridare dignità alle istituzioni». La sindaca Chiara Appendino, aprendo i lavori del primo Consiglio metropolitano di Torino da lei presieduto, ha indicato alcune linee guida del suo mandato per riprendere un percorso di sviluppo del nostro territorio in quello che ha definito «uno dei momenti più complessi della sua storia».

La sindaca pentastellata ha sottolineato come «gli enti locali devono essere messi in condizioni di pagare i servizi per i cittadini e non rappresentare un mezzo per ripianare  i deficit dello Stato.

La neosindaca ha poi attaccato duramente la legge Del Rio definita per i suoi riscontri  “aberrante”: «Avrebbe anche potuto anche essere condivisibile nelle finalità poitiche, ossia la semplificazione delle strutture dello Stato, ma così non è stato».  La sindaca ha denunciato un deficit di democrazia e rappresentanza spiegando: «Io presiedo questo Consiglio non in virtù di una votazione popolare, ma solo in quanto eletta sindaco dai torinesi».

In conclusione ha mosso un generale appello «alla volontà di lavorare tutti insieme per il bene del territorio e per l’interesse generale, auspicando un dialogo franco e deciso con il Governo:«Un eventuale disimpegno del Governo nell’individuare una possibile soluzione determinerà la necessità di scelte molto pesanti per la nostra Città Metropolitana».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano