14.9 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

A Torino: moglie positiva al Coronavirus poliziotto in quarantena ma senza tampone

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un agente di polizia in servizio a Torino non è mai stato sottoposto al tampone nonostante la moglie risulti positiva al Covid-19.

La denuncia arriva dal sindacato autonomo Siulp. L’agente, sarebbe stato messo in quarantena il 14 aprile insieme a tre colleghi, ma senza l’effettuazione del test.

“Le buone intenzioni e gli sforzi annunciati per cercare di contenere il contagio – spiega Eugenio Bravo, segretario generale a Torino- di fatto vanno a cozzare con la realtà delle storie quotidiane. Un collega e la moglie corrono seri rischi per via dell’indifferenza di chi dovrebbe rispondere con efficienza”.

La moglie dell’agente, una dipendente comunale, avrebbe accusato i primi malesseri intorno al 7-8 marzo e il medico curante “ha ritenuto che si trattasse di una semplice influenza”.

Il 16 marzo ha avuto una crisi respiratoria, è stata ricoverata in ospedale ed è risultata positiva al Covid-19, mentre il marito è stato messo in quarantena. Il 23 marzo la donna è stata dimessa e collocata in isolamento domiciliare. Il primo tampone ha dato esito negativo, ma il secondo – eseguito intorno al 10 aprile e comunicato il 14 – ha accertato una positività. A quel punto l’agente è stato rimesso in quarantena.

“Non ci interessa – dice Bravo – sapere di chi sono le colpe e le responsabilità. Quello che ci interessa è far capire a chi ha l’onere di contenere questa pandemia, quanto sia necessario effettuare i tamponi, soprattutto di fronte a situazioni così conclamate. Non possiamo contestare alcunché al Questore di Torino che insieme al Siulp, ciascuno per propria competenza e attraverso i propri mezzi, ha inoltrato urgenti richieste per sottoporre a tamponi i poliziotti”.

“Siamo consapevoli della criticità della situazione in generale – conclude l’esponente del Siulp – ma non possiamo limitarci a una mera testimonianza. Ci corre l’obbligo morale di segnalare e richiamare con forza la necessaria attenzione di chi ha la responsabilità di salvaguardare la salute dei cittadini e di chi è sovraesposto al contagio”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano