20.4 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

A Torino cancellata la Festa De L’Unità

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È arrivata l’ufficialità: la Festa De L’Unità è stata cancellata. Torino salta un giro: infatti non solo per il mese di luglio, ma è a rischio anche l’appuntamento di settembre.

E non una cosa da poco, visto che nella primavera 2021 nel capoluogo piemontese ci sono le comunali e il contatto con il popolo Pd e i cittadini è importante in previsione della campagna elettorale.

I Dem comunque investiranno di più sul web, dopo l’esperienza di Spazio Aperto. Anche economicamente sembra le scelta migliore, per le casse del partito, visto lo sforzo in denaro che comporterebbe, in un momento di crisi come questo, organizzare la storica manifestazione.

L’annuncio che la Festa De L’Unità non si farà arriva direttamente dal segretario metropolitano del Partito Democratico, Mimmo Carretta.

“Come purtroppo si rende necessario, l’annunciata Festa de L’Unità di Torino e le altre programmate a luglio, non si potranno fare”.

Continua Carretta: “È molto probabile, inoltre, dopo aver valutato una serie di ragioni pratico-organizzative, data anche l’incertezza attuale su come procederà la Fase 2 post Covid, con il Responsabile Organizzazione, il Tesoriere, il Responsabile logistico della Festa e condiviso con la Segreteria Metropolitana, che sarà complicato programmare il nostri appuntamento annuale anche a settembre”

“Il nostro sforzo sarà quello di individuare modalità diverse e compatibili con la situazione di emergenza sanitaria – aggiunge – A tal proposito, l’esperienza di Spazio Aperto, diventato una sorta di webtv, in onda sia su Facebook che sul canale YouTube, sta dando numeri di gradimento interessanti”.

“Abbiamo dunque tutta l’intenzione di far crescere ancora questo strumento e di sfruttarne al massimo ancora le potenzialità. Il PD di Torino, dunque, non ha nessuna intenzione di abbandonare lo spazio politico, utile anche ad affrontare ciò che ci si era prefissati con la Festa. Guardiamo avanti”, conclude Carretta.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano