20.9 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

A Giaveno manifesti di Forza Nuova contro "business dell'immigrazione"

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

A Giaveno, in provincia di Torino sono apparsi manifesti del gruppo di estrema destra Forza Nuova contro l’immigrazione. Dopo lo striscione esposto la scorsa notte, con la scritta “La pacchia è finita, tornate a casa vostra”, ora Forza Nuova ha affisso le locandine scritte in diverse lingue, cinese, arabo e italiano.
I manifesti recitano: “Ogni terra ha il suo popolo, ogni popolo ha la sua terra. Immigrati tornate a casa vostra”. 
Sui social è stata chiesto l’intervento del Comune per rimuoverli, ma il referente di Forza Nuova in Val Sangone, Usseglio Viretta, ha già spiegato che l’affissione è regolare: «È affisso nella bacheca politica del partito, lo spazio ci è stato concesso dall’ente preposto».
Aggiungono da Forza Nuova: «Come già ampiamente annunciato, Forza Nuova non intende mollare neanche un centimetro nella battaglia contro il business dell’Accoglienza, quindi ieri sera a Giaveno i nostri militanti della Val Sangone, capitanati dal responsabile Roberto Usseglio, sono andati a mettere uno striscione davanti alla sede che ospita i finti profughi nella Borgata Buffa, lo striscione recita “LA PACCHIA E’ FINITA TORNATE A CASA VOSTRA”».
Continuano: «È nostra intenzione ribadire che, come ampiamente dimostrato, la quasi totalità degli ospiti delle varie cooperative non possono essere riconosciuti come richiedenti asilo e quindi si tratta dei così detti migranti economici, una tipologia di immigrati che noi non intendiamo mantenere a spese della comunità».
«Nello specifico di Giaveno – aggiungono da FN –  ci sono pervenute più segnalazioni di disordini procurati dagli ospiti delle varie cooperative, qualcuno ha dovuto persino lasciare la sua abitazione perché minacciato dagli ospiti della cooperativa, cosa che i responsabili di detta cooperativa hanno cercato di insabbiare per non perdere il loro guadagno». 
«L’attività di contrasto a questo business è partita già da tempo con l’affissione di manifesti dove invitavamo gli immigrati a lasciare il nostro paese vista la crisi economica imperante, le nostre attività continueranno anche contro la sinistra e l’anpi della Val Sangone accecati da sentimenti anti – italiani in nome del business», concludono da Forza Nuova.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano