8.7 C
Torino
mercoledì, 28 Settembre 2022

Perché investire in oro in Italia secondo Trust in Gold

Più letti

Nuova Società - sponsor

L’oro è una risorsa molto importante in Italia. Non solo è il materiale per eccellenza nella gioielleria del Paese e una delle grandi scommesse ancora oggi per la Banca d’Italia, bensì, spiega Trust in Gold, ha anche un ruolo molto importante nel settore degli investimenti. 

Se è vero che gli investimenti in monete e lingotti d’oro sono diminuiti nel tempo a vantaggio dei gioielli,  investire in oro in Italia rimane una delle principali scelte.

Cosa significa oggi investire in oro in Italia?

Secondo un recente studio del World Gold Council, l’oro è il principale prodotto di investimento tra i piccoli investitori in Italia, che sembrerebbe mantengano un caratteristico profilo conservatore. 

Rispetto ad altre nazioni, sostiene Trust in Gold, l’Italia si caratterizza per essere un Paese di investitori molto attivi. Tendono a destinare un’elevata percentuale del denaro agli investimenti, molto più di quanto si sia visto rispetto ad altri mercati occidentali. In ogni caso, secondo il World Council, gli investitori dispongono solitamente di un portafoglio diversificato, in cui detengono fino a quattro prodotti finanziari e, in alcuni casi, fino a sei.

Come spiega Trust in Gold, un punto importante sottolineato dal World Gold Council per quanto riguarda gli investimenti in oro in Italia riguarda il fatto che, tra gli investitori italiani, il 62% dichiara di aver acquistato oro in passato o di avere intenzione di farlo in futuro. Solo il 22% degli intervistati sostiene di non aver mai investito in oro fino ad ora e la percentuale di persone che non ne considera neppure la possibilità raggiunge soltanto il 16%.

Qual è l’andamento dell’investimento in oro in Italia? Ce lo spiega Trust in Gold

 Ci sono diverse modalità con cui viene gestito questo investimento. In primis si evidenzia il metallo custodito in camere blindate, che viene assegnato agli acquirenti, ma non consegnato. Questa forma rappresenta il 19% di tali investimenti. In secondo luogo c’è la gioielleria con un 18% sul totale. Successivamente si posizionano gli ETF con il 15%, come le monete d’oro. In penultima posizione si collocano le azioni delle società minerarie con il 14%. Infine, i lingotti d’oro con il 13%.

Facendo riferimento alle opinioni espresse dagli investitori circa l’interesse a investire in oro in Italia, emerge l’idea che questo metallo prezioso costituisca un’eccellente forma di protezione del patrimonio personale. Ciò si deve principalmente al fatto che offre protezione a lungo termine contro gli effetti dell’inflazione.

Un altro aspetto che il report ha rivelato riguarda le ragioni date dagli acquirenti in merito al motivo per cui scelgono l’oro. Nella maggior parte dei casi, ciò che si supporta è la diversificazione del rischio, la copertura di altri investimenti più rischiosi e la scommessa su attività più sicure. Il 17% degli investitori consultati sostiene di aver optato per questo asset dopo aver visto il prezzo dell’oro salire. 

Quindi, aggiunge Trust in Gold, questo numero di persone ha citato come principale motivazione il fatto di investire in una risorsa ad alta liquidità e da cui è facile uscire. Il 18%, invece, sostiene di aver scelto questa opzione per diversificare il rischio distribuendolo tra diversi assets.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano