5.5 C
Torino
martedì, 9 Marzo 2021

La storia dei Bitcoin

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Oramai chiunque conosce i Bitcoin. Di sicuro tutti hanno sentito parlare almeno una volta di questa criptovaluta diventata famosa, qualcuno ne possiede, altri hanno pensato di investire anche lusingati dalla possibilità di guadagnare con facilità. Ma forse non tutti conoscono la storia che c’è dietro questa famosissima moneta virtuale. E allora ve la raccontiamo. 

Il Bitcoin nasce nell’ormai lontano 2009. Il suo creatore è conosciuto con il nome di Satoshi Nakamoto, ma si tratta in realtà solo di uno pseudonimo per nascondere l’anonimato del vero ideatore che sviluppò una suggestione diffusa in rete a partire da fine 2008. I Bitcoin appartengono alla categoria delle criptovalute, ovvero sono sistemi di pagamento che a differenza delle tradizionali monete non sono fisiche (non esistono banconote né contanti) né esistono enti centrali che le emettono e conservano (le classiche banche di Stato e istituti bancari). 

Tutto ciò perchè i Bitcoin si basano sulla tecnologia crittografica, ovvero essi esistono su un database distribuito tra i nodi della rete in grado di tenere traccia delle transazioni, mentre il valore del Bitcoin è regolato solo dai flussi di domanda e offerta. 

Insomma, per acquistare e utilizzare i Bitcoin è necessario avere una connessione internet e uno strumento come un pc, un tablet o anche uno smartphone su cui istallare il proprio portafoglio digitale. 

Questa criptovaluta ha dunque destato molto interesse proprio per le sue peculiarità così diverse dalla monete tradizionali. A partire dalla sua “democraticità”, cioè il fatto che solo l’andamento di domanda e offerta ne ha determinato il mercato, senza condizionamenti di altre sovrastrutture. Senza considerare che la semplicità tecnologica del loro utilizzo rende facile a tutti l’accesso ai Bitcoin. 

Ma andiamoci piano. Non bastano questi elementi per far gridare a un vera e propria rivoluzione né a una facile fonte di guadagno. Infatti, c’è anche il rovescio della medaglia. Un conto è sapere utilizzare le tecnologie che sono alla base delle criptovalute, un altro è sapersi orientare sul mercato. Provare a fare trading online e investire nei Bitcoin è il sogno di molti, ma non è per nulla facile. Per questo insieme alle monete digitali sono nati anche siti come Bitcoin Prime Accesso che aiutano i meno esperti a valutare i propri investimenti e ad evitare problemi e possibilmente ad arricchirsi. 

Veri e propri sistemi dotati di algoritmi modernissimi attraverso sui monitorare l’andamento in tempo reale del mercato finanziario e quindi saper prevedere se ciò su cui si è deciso di puntare possa convenire o meno. Come dicevano un supporto utile per orientarsi in un mondo come quello del trading online, che solo all’apparenza è semplice, ma che richiede le giuste competenze, un pizzico di passione, e se necessario un piccolo aiuto!

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano