30.8 C
Torino
venerdì, 14 Agosto 2020

XO, XO. Gossip Girl

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Scritto da Sara Collicelli

Buongiorno, gente del Nord Italia. Le vacanze di Natale sono terminate, ma i rewatch che ci ha regalato in queste feste Netflix non ancora.

- Advertisement -

Uno dei regali più belli che abbiamo ricevuto, infatti, è stato da parte della piattaforma la possibilità di rivedere delle serie TV che hanno accompagnato la nostra (o almeno la mia) adolescenza. Come ad esempio Gossip Girl, che ha segnato le mode e i tempi tanto che le venisse dedicato addirittura un giorno: il 26 gennaio, il Gossip Girl Day.

- Advertisement -

Una serie andata in onda tra il 2007 e il 2012, sei stagioni di intrighi, di love stories più o meno improbabili, morti, resurrezioni e, immancabile per un teen drama, sesso droga e balli delle debuttanti. Una serie che ci ha regalato una bellezza imbarazzante come quella di Blake Lively. Che ci ha insegnato che anche essere tanto tanto tanto ma tanto ricchi non ti proteggere da certe colate di letame che la vita ti riserva.

Le vicende dei giovani Serena, Dan, Blair, Nate e Chuck (più una serie di personaggi “accessorio” , primo tra tutti la giunonica domestica Dorota) sono raccontate attraverso l’occhio vigile e giudicante di Gossip Girl.

Un blog che raccoglie anonimamente i pettegolezzi dei ragazzi dell’Upper East Side rendendoli così di dominio pubblico e condannando il/la malcapitato/a al pubblico ludibrio.

Il tutto, ripeto, anonimamente.

Da questo, dall’anonimato iper tutelato, nasce la considerazione che anima questo racconto.

Si, perché come spesso capita, rivedere una serie tv a distanza di anni ti permette/impone di farlo con occhi diversi. Maturi maggiore consapevolezza. Perciò, se alla prima vista ero affascinata da questo mondo fatto di opulenza che per noi comuni mortali appare irraggiungibile, oggi finisco di vedere GG e mi riscopro un po’ psicologa.

Si, perché l’identità di Gossip Girl alla fine viene rivela e si scopre essere un giovane fanciullo che viene da Brooklyn e che si sente emarginato perché non abbastanza ricco, non abbastanza figo, non abbastanza qualsiasi cosa. Cosa decide di fare, quindi, per entrare nel loro dorato mondo? Aprire un blog dove raccontare pubblicamente (ma anonimamente) tutti i segreti di quelli che vuole diventino suoi amici!

Diviene cioè un colto cyber bullo precursore dei tempi. Perché quello che accade oggi con facebook lo faceva già Gossip Girl nel 2007. Raccogliere foto e segreti imbarazzanti e raccontarli a tutti. Su internet. Senza filtri. Anonimamente. Senza diritto di replica.

Un cyber bullismo ante litteram, di fatto.

Si, perché se ci pensate il bullismo è un comportamento violento dal punto di vista fisico e /o psicologico. Il cyber bullismo è il bullismo con l’aggravante dell’uso di internet.

Ergo, Gossip Girl è una cyber bulla.

O meglio, sulla carta appare come la perfetta vittima di un bullo. Vuole “solo” essere accettata dai ragazzi dell’Empire Hotel. Peccato che per farlo decida di adottare metodi decisamente non ortodossi.

Certo, oggi raccontare sui social avventure sessuali o alcoliche non è da bullo visto che sono gli stessi protagonisti a condividerle (quasi) passo dopo passo. Contestualizzato durante Gossip Girl no. C’era ancora un minimo di riservatezza su certe cose.

Ma al netto delle differenze di contenuto, rimangono i modi. Denigrare, umiliare, quasi ricattare. L’idea di anonimato, che perdonatemi, mi angustia più di tutto.

L’idea di nascondersi dietro uno schermo, con uno pseudonimo. Quella mancanza di coraggio di assumersi le proprie responsabilità per quello che si fa. Per quello che si dice. Per quello che si scrive. Nero su bianco. Su internet, soprattutto.

Sembra quasi una dissonanza cognitiva. Due idee in contrasto (disprezzare un mondo e volerne far parte allo stesso tempo) che portano a mettere in atto un comportamento che riduca la sofferenza che le due idee producono.

Vuoi far parte di quel mondo, non riesci a entrarci allora lo svilisci. In pratica: quando la volpe non arriva all’uva, dice che è acerba.

Un comportamento questo diffuso tra tutti e a patirne maggiormente sono gli adolescenti. Che vivono il periodo regio del cambiamento (biologico e psicologico) e devono trovare la loro collocazione nel mondo. E quando non ci riescono con i loro mezzi, che sia per loro inefficienza o per inefficienza degli altri, lo fanno con tutte le risorse di cui possono disporre.

Anche e soprattutto se si tratta di un computer o di uno smartphone, che ti garantisce l’anonimato.

Perché se nessuno mi vede sono meno responsabile. Perché lontano dagli occhi, lontano dalle punizioni.

Quando basterebbe rieducarci ad apprezzare quel che abbiamo.

Quando basterebbe rieducarci ad apprezzare le differenze. Nostre e degli altri.

In fondo, l’arcobaleno non è forse fatto di mille colori diversi?

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...