27.7 C
Torino
mercoledì, 17 Luglio 2024

Versaci di governo: “Qualcuno mi spieghi perché il Pd sarebbe meglio della Lega“

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È un Versaci di governo, ma ancora con quel carattere d’oppositore quello che oggi fa un’analisi su quanto sta accadendo a Roma.
Il presidente del Consiglio comunale di Torino non risparmia stoccate per avvalora la sua tesi, che gira attorno al che pone: «Qualcuno mi spieghi perché il Partito Democratico sarebbe meglio della Lega» .
Dice Fabio Versaci: «In questi giorni si parla della formazione del nuovo governo, sono in molti a sostenere che il M5S non dovrebbe fare un governo con la Lega e Forza Italia perché sarebbe un “suicidio politico».

«Molti commentatori suggeriscono come preferibile un governo con il Partito Democratico, vista la provenienza da sinistra di parte del nostro elettorato. Bene, ma il fatto che il Pd sia meglio della Lega o di Forza Italia è tutto da dimostrare», aggiunge Versaci che continua ponendo spinose domande: “Sarebbe meglio chi ha abolito l’articolo 18? Sarebbe meglio chi in una notte ha regalato 17 miliardi alle banche?».
Dunque nessun governo Pd-M5s per l’esponente pentastellato.
«Il Pd è un partito al servizio dei forti e sempre più sordo alle ragioni dei deboli. Il Pd è un partito di destra, esattamente come Fi e Lega. Ridurre la discussione ad una scelta del M5S tra la destra e la sinistra è quanto mai riduttivo». Non nasconde la sua antipatia verso quella che Versaci definisce “finti moralisti”.

La colpa resta comunque di una legge elettorale sbagliata, evidenzia Versaci.
“Questa legge elettorale truffaldina è stata votata da Pd, Lega e Forza Italia, loro ci ha portato in questo stallo politico. Dovrebbero assumersi le loro responsabilità”.
Ma come si esce da questo immobilismo e chi dovrebbe diventare premier? Versaci non ha dubbi.

«Di Maio oggi ha detto: ”Il premier deve essere espressione della volontà popolare. Il 17% degli italiani ha votato Salvini Premier, il 14 Tajani Premier, il 4 Meloni Premier. Oltre il 32% ha votato il MoVimento 5 Stelle e il sottoscritto come Premier. Non mi impunto per una questione personale, è una questione di credibilità della democrazia. È la volontà popolare quella che conta. Io farò di tutto affinché venga soddisfatta. Se qualche leader politico ha intenzione di tornare al passato creando governi istituzionali, tecnici, di scopo o peggio ancora dei perdenti, lo dica subito davanti al popolo italiano”. A lui e a tutti i nostri parlamentari va la mia fiducia. Faranno la scelta giusta, qualunque sarà», conclude Fabio Versaci.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano