25.9 C
Torino
venerdì, 3 Luglio 2020

Torino, condanne a dieci anni per la banda dello spray di piazza San Carlo

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Torino, scoppia la rivolta contro la polizia in corso Giulio. Quattro anarchici fermati (VIDEO)

Secondo gli anarchici si è trattato di un sopruso delle forze dell'ordine, mentre la polizia replica che il tutto sarebbe scoppiato per impedire l'arresto...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società, di cui è il direttore dal 2017.

Con rito abbreviato il giudice Maria Francesca Avenavoli ha condannato in rito abbreviato i componenti della banda dello spray accusati di aver scatenato il panico tra la folla spruzzando del peperoncino al fine di derubare i tifosi che assistevano alla finale di Champions League Juventus-Real Madrid il 3 giugno 2017 in piazza San Carlo.

Per i quattro imputati di origine marocchina l’accusa è omicidio preterintenzionale, lesioni, rapina e furto. Infatti in piazza San Carlo ci furono oltre 1600 feriti e morirono due donne a causa delle lesioni, Erika Pioletti e Marisa Amato.

- Advertisement -

Con lo sconto di un terzo della pena sono stati condannati a dieci anni e quattro mesi Sohaib Boumadaghen, Hamza Belghzi e Mohammed Machmachi. Mentre dieci anni e tre mesi per Es Sahibi Yaimene in quanto non era accusato di furto. I quattro, difesi dagli avvocati Basilio Foti, Laura Carnino e Antonio Testa, resteranno in carcere, dove sono già reclusi dall’aprile 2018. Come hanno richiesto i pm Roberto Sparagna e Paolo Scafi è stata rinnovata la richiesta di custodia cautelare che stava scadendo e quindi resteranno in carcere fino al processo d’appello.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Caso Ogr, Cirio: “Per martedì un incontro, troveremo soluzione”

A seguito delle polemiche sulla rilocazione del Covid Hospital inserito all'interno delle Officine Grandi Riparazioni,oggi Il il presidente della Regione Piemonte, Alberto...

Caso Ogr, Laus(PD): “E’ suicida l’idea di guardarle morire”

Il Senatore Mauro Laus del Partito Democratico chiede l'intervento di Regione e Comune per non lasciar morire le Officine Grandi Riparazioni, che...

Università Torino, stop borse di studio per gli “studenti violenti”

Niente borse di studio per gli universitari che sono considerati dei "violenti e facinorosi". Così è stato deciso da un provvedimento, definita...

Torino 2021, la Lega pronta a governare la città

La Lega torna in strada a Torino. Dopo i mesi di lockdown che hanno costretto allo stop delle iniziative sul territorio parte...

Prodi: “Non serve lo scontro generazionale per costruire un futuro su basi solide”

“E’ solo dalla proposta, dai contenuti che può nascere una classe dirigente. Il generico cambiamento non rinnova le cose”. Con la consueta...