23.8 C
Torino
sabato, 15 Agosto 2020

Toninelli gela i cinque stelle torinesi: “Niente stop alla Tav, solo modifiche”. I consiglieri pronti alla battaglia in Sala Rossa

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuovasocietà. Caporedattore dal 2017. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano.

No Tav, ma non troppo. Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli modera i toni da sempre usati dagli altri pentastellati a proposito della Torino-Lione. E se M5s ha sempre manifestato la propria contrarietà all’opera il No ora diventa un Nì.
Alla faccia del dossier presentatogli contro la Tav dalla sindaca Chiara Appendino nella sua visita romana di settimana scorsa Toninelli precisa: «Quando è nata la Tav se ci fosse stato il M5s al governo non sarebbe mai stata concepita in questa maniera, così impattante, così costosasarà quello di migliorarla, così come scritto nel contratto di governo. Non vogliamo fare nessun tipo di danno economico all’Italia ma vogliamo migliorare un’opera che è nata molto male». Insomma nessuno stop e al contrario una decisa condanna degli scontri avvenuti in Valsusa lo scorso weekend: «Le proteste incivili limitano l’espressione delle proteste civili».
Parole quelle del ministro che portano lo scompiglio nel M5s torinese, che proprio nel No alla Tav trovava uno dei punti di unione più forti. E così la prima a insorgere è la consigliera regionale Francesca Frediani che sui social sentenzia: “Io comunque rimango No Tav, non Meglio Tav”.
Disappunto anche da tutto il Movimento torinese che difende l’azione della sindaca Appendino e il dossier contro la Tav, attaccando il commissario straordinario per la Tav Paolo Foiatta e gli industriali che hanno espresso preoccupazione per la posizione contro la Torino-Lione di Appendino.
«Per questi motivi diamo la massima solidarietà alla Sindaca Chiara Appendino, che anche nell’ultima riunione di confronto con il comitato Notav diTorinoe cintura, ha ribadito la contrarietà all’opera e si è assunta l’impegno di trasmettere le informazioni prodotte dalla Commissione Tecnica del Comune diTorinosulla LineaTorino- Lione al Ministero delle Infrastrutture, nonché la promozione di un incontro con lo stesso Ministro e i Sindaci coinvolti dall’opera» scrivono i consiglieri comunali torinesi aggiungendo di essere pronti a portare in Sala Rossa «un documento in cui si chiede al governo la ridiscussione integrale del progetto e, nell’attesa, di sospendere i poteri del direttore generale di Telt, in modo che non possano essere firmati gli annunciati bandi di gara per oltre 5 miliardi di euro che potrebbero dare origine a futuri contenziosi, di sollevare l’architetto Foietta dai suoi tre incarichi (Presidente Osservatorio Torino-Lione, Commissario straordinario del Governo per la Torino-Lione, Copresidente Intergovernativa Italia Francia per la Torino-Lione) e il direttore Mario Virano in quanto nominato nel cda di Telt dal Governo. Inoltre si richiede a Rfi un utilizzo diverso dei 1.900 milioni di euro deliberati dal Cipe per la mobilità urbana e interurbana di Torino».
E rispetto a un’eredità troppo costosa per pensare a uno stop dell’opera aggiungono: «Ancor meno comprensibili ci paiono le dichiarazioni in merito a presunte penali per l’Italia nel caso in cui l’opera dovesse essere sospesa o fermata, o alle asserzioni che affermano un presunto avanzamento dei lavori in Francia, considerato che lo stato francese ha posposto le decisioni relative di sua competenza a dopo il 2038 e che non esiste alcun accordo internazionale sottoscritto dall’Italia nei confronti della Francia o dell’Europa che preveda l’esborso di penali in caso di ritiro unilaterale italiano».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “L’esperienza di Appendino e dei Cinque Stelle sulla pelle dei torinesi”

Il senatore del Partito Democratico Mauro Laus commenta le ultime esternazioni della sindaca di Torino Chiara Appendino, che si è detta d’accordo...

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...