13 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Solidarietà dal mondo politico per Esposito: "Gesto estremo inaccettabile"

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il mondo politico piemontese e non esprime solidarietà a Stefano Esposito, il parlamentare del Partito Democratico che questa mattina si è trovato, davanti alla porta di casa, un sacchetto di spazzatura con all’interno tre bottiglie incendiarie e un biglietto.
Primo tra tutti è Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. «Io sto con il senatore Esposito e non con i vigliacchi che lo attaccano e lo minacciano – dichiara – Sulla Tav Il governo non arretra di un millimetro. I politici, gli amministratori locali, le imprese, i lavoratori che si stanno impegnando per la costruzione di questa infrastruttura strategica per il Piemonte, per l’Italia e per l’Europa ci hanno avuto e ci avranno sempre al loro fianco».
A nome di tutto il Pd Gianni Cuperlo, presidente dell’assemblea nazionale piddina, commenta la notizia: «Voglio esprimere a nome mio personale e di tutto il Pd solidarietà a Stefano Esposito, vittima di un ennesimo, intollerabile, gesto intimidatorio. Con Stefano continueremo a difendere la legalità contro la violenza e a perseguire, con tutti, nel confronto politico, il dialogo rispettoso. La violenza e le continue minacce sono inaccettabili – conclude Cuperlo – e non devono avere cittadinanza nella nostra democrazia. A Stefano Esposito giunga un affettuoso abbraccio».
Segue il segretario regionale del Pd Gianfranco Morgando, che afferma di essere vicino, assieme a tutto il partito, «al senatore Stefano Esposito e alla sua famiglia. Dopo le lettere con i proiettili e le reiterate minacce e intimidazioni,oggi un nuovo grave atto colpisce non solo lui, ma tutto il Pd e la comunità democratica». Poi continua definendo l’accaduto «un atto che conferma che vi sono individui e gruppi intenzionati a far crescere la tensione, fino a mettere in pericolo l’incolumità delle persone: vili delinquenti che si nascondono dietro le bandiere No Tav». Parole simili arrivano da Roberto Placido, consigliere del Pd a Palazzo Lascaris ed ex vicepresidente del consiglio regionale. Quella che ha colpito «l’amico e compagno Stefano Esposito è una vigliacca intimidazione di stampo terroristico e di modalità fascista – dice – a tutti è evidente che la Tav è solo un pretesto. Ciò che che viene messo in discussione è la libertà di un Parlamentare di adoperarsi a favore di un’opera e di esprimere liberamente le proprie opinioni. E quando ci accade è la democrazia stessa ad essere in pericolo. A Stefano Esposito va tutta la mia solidarietà personale, umana e politica».
Fabrizio Morri, segretario del Pd torinese, si dice «sconcertato» dal fatto che «qualcuno possa essere fatto oggetto di minacce e violenze, non è accettabile che la battaglia contro la Tav possa spingersi a gesti così estremi. Siamo certi che magistratura e forze dell’ordine faranno il loro dovere, ma gli autori di un gesto così codardo devono essere isolati. Non siamo intimoriti e andremo avanti con le nostre battaglie».
Giorgio Merlo, esponente del Pd, afferma che «la piena e totale solidarietà a Stefano Esposito è importante ma non più sufficiente. È necessaria una reazione forte e democratica ai rigurgiti di violenza, a tratti inaudita, che accompagnano il cammino della Torino-Lione. Da un lato c’è la democrazia, con il consenso e il dissenso democratico all’opera. Dall’altro c’è la violenza. La politica, i partiti, la società civile, gli intellettuali e i cosiddetti uomini di cultura adesso si devono schierare apertamente. Le posizioni intermedie o equivoche aiutano il brodo di coltura della violenza. A volte terroristica o paraterroristica».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano