20.6 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

Soldi dello spaccio nella bibbia e ciclista con la droga, un arresto e un denunciato a Torino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nonostante i blocchi per il Coronavirus, lo spaccio di droga nelle diverse zone della città di Torino sembra non avere sosta.
La Polizia in questi giorni ha aumentato i controlli in città, proprio per far rispettare le regole imposte per contrastare il Coronavirus; è facile così imbattersi in spacciatori che non mollano il “business” nemmeno in questo periodo. Come i funzionari della polizia di stato del commissariato di Barriera di Milano, che dopo aver assistito ad un compravendita di sostanze stupefacenti in via Baltea e aver controllato il pusher nigeriano trentenne, lo hanno portato nella sua abitazione e gli hanno trovato 2 sacchetti di nylon contenenti cocaina, uno tra i vesti e l’altro su una mensola. Invece ben 1000 euro erano fra la le pagine di una bibbia in inglese. Lo spacciatore Nigeriano è stato così arrestato.
Un’altro caso in corso Vittorio Emanuele II, dove gli agenti di polizia del commissariato San Secondo, hanno inseguito un ciclista Marocchino datosi alla fuga dopo aver visto la pattuglia, disfandosi strada facendo di due involucri fra hashish e marijuana del peso di 15 grammi. Il fermato, già con precedenti analoghi e con obbligo di firma, è stato denunciato per detenzione di stupefacenti, violazione delle norme anti Coronavirus e resistenza a pubblico ufficiale, per un tentativo di aggressione ad un agente della polizia di stato.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano