27.6 C
Torino
martedì, 16 Luglio 2024

Sequestri al Barattolo, vendevano merce illegale

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sabato mattina, durante un servizio ordinario di controllo di polizia amministrativa sull’area di libero scambio denominata ‘Barattolo’, gli agenti del Comando Territoriale VII – Aurora – Vanchiglia- Madonna del Pilone –della Polizia Municipale hanno rilevato la presenza di merci di cui non era consentita la vendita e, pertanto, hanno provveduto a sanzionare i trasgressori e a sequestrare i prodotti irregolari, ai sensi del Regolamento Comunale nr. 390 Articoli 6 comma 1 e 12 commi 1 e 2.

Nello specifico, gli agenti hanno effettuato due sequestri amministrativi, uno ai danni di un venditore di nazionalità marocchina di 59 anni e l’altro a carico di un quarantasettenne di nazionalità senegalese.

Nel primo caso sono stati sequestrati 5 elettroutensili di potenza superiore a 800 watt (classificati utensili da lavoro professionale e pertanto non permessi), di cui 2 idropulitrici superiori a 1200 W, una elettropompa Jacuzzi (2400 kw), un trapano con valigetta (2400 W) e una sega circolare priva di targhetta identificativa.

Al secondo venditore, invece, gli agenti hanno sequestrato 52 capi di abbigliamento mai usati, con il cartellino del prezzo ancora attaccato e quindi pari al nuovo. Nello specifico si tratta di 20 capi tra giacche, giubbotti, giubbotti smanicati, kway e camicie dei marchi Navigare e Martini; 28 capi tra borse in tela per passeggino, borsoni per sport, borselli da uomo, borse varie, portafogli con marchio Navigare e vari altri marchi meno conosciuti; 2 caschi demi jet per moto con marchio Terinda e altri vari accessori, tra cui sciarpe e cinture lombari.

L’intervento, considerato il delicato contesto sociale in cui i ‘civich’ si sono trovati a operare, ha richiesto tutte le abilità e l’esperienza degli agenti intervenuti, compresi quelli giunti a supporto in un secondo momento, nonché la mediazione linguistica del personale dell’Associazione ‘Vivibalon’ che ha permesso che il sequestro si concludesse in un clima disteso di massima sicurezza.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano