13.6 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Sala ricordi: se uno va a casa di altri, bussa e chiede permesso prima di entrare

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“Il sindaco Sala deve capire che se uno va a casa di altri, bussa e chiede il permesso prima di entrare. È una questione di educazione. Non puo’ permettersi di giudicare l’operato del nostro presidente della Regione, che amministrando deve fare il bene della Sardegna”. Cosi’ l’assessore al Turismo della Regione Sardegna, Giovanni Chessa, intervistato oggi da Radio popolare. “Noi non abbiamo nessuna paura dei turisti e se i lombardi, come sempre, decideranno di venire in Sardegna, saranno accolti a braccia aperte- spiega Chessa-. Troveranno una Sardegna libera e potranno fare una vera vacanza come tutti gli anni. Non ci saranno divieti, ma chiediamo un piccolo sacrificio: garantire con un certificato medico che non sono positivi. Tutto qua. La certificazione sanitaria e’ questa: fare un test rapido, un tampone o quello che si trova sul mercato, e garantire in partenza che non hanno contratto il virus”. Per Chessa la certificazione non deve essere letta come un’imposizione che scoraggia i turisti, ma piuttosto come un invito alla responsabilita’: “Qualche giorno fa e’ arrivato in Sardegna un imprenditore dell’Emilia-Romagna, ha preso una tachipirina per abbassare la febbre ed e’ passato cosi’ al termoscanner dell’aeroporto di partenza. Questo vigliacco e’ venuto qui, e’ andato in hotel e ha visitato un’azienda di formaggi e latte: oggi sono tutti in quarantena, e’ tutto chiuso per colpa di una sola persona irresponsabile. Per questo noi diciamo a tutte le persone che serve il buonsenso: chi decide di fare la vacanza, due giorni prima della partenza si organizza e fa il test. Quando si va in Africa o nei Paesi del Sud America e si fanno i vaccini, tutte queste storie non esistono”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano