22.5 C
Torino
giovedì, 9 Aprile 2020

Riforma della Prescrizione: facciamo il punto (e capiamoci qualcosa)

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Buoni spesa Torino, ecco il link per fare la richiesta online

Come aveva annunciato previsto la sindaca Chiara Appendino ci sono stati dei problemi iniziali dovuti alle troppe entrate nel sito predisposto per la richiesta...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Incendio in centro a Torino, in fiamme un negozio di fiori (VIDEO)

Le fiamme hanno avvolto il negozio di fiori sintetici, in via Santa Teresa, in pieno centro a Torino. A pochi metri da un supermercato....

Fallimento Scarpe & Scarpe, Fisascat Cisl Torino-Piemonte: “Rispetto per i dipendenti”

La Fisascat Cisl Torino-Piemonte commenta il rischio di fallimento della ditta Scarpe & Scarpe di Torino, chiedendo "rispetto e attenzione per i dipendenti" che...
Dora Mercurio
Dora Mercurio
Laureata in giurisprudenza, dopo la pratica forense ha ceduto alla passione per la scrittura e per ciò che accade nel mondo. Si occupa di comunicazione, social network e ha un blog (La Bambina del Laboratorio) in cui recensisce libri.

Il dibattito politico di questi giorni è incentrato sulla riforma della prescrizione voluta dal ministro Alfonso Bonafede. L’accusa principale che viene mossa al guardasigilli, sia dal mondo politico che da quello giudiziario, è quella di voler allungare i tempi già infiniti dei processi.

L’argomento è piuttosto difficile, proviamo quindi a riavvolgere il nastro e a fare un po’ di chiarezza.

Le basi: cos’è la prescrizione.

In diritto penale la prescrizione è “una causa di estinzione del reato”. Detto in parole semplici, lo Stato non persegue più il presunto colpevole perché da quando il fatto è stato commesso è passato troppo tempo. I motivi per cui si è deciso di inserire la prescrizione nel nostro ordinamento sono diversi: la difficoltà nel reperimento o nella conservazione delle prove, l’idea che sia inutile punire qualcuno a distanza di troppo tempo, evitare che i cittadini possano stare a lungo sotto giudizio per un fatto che, magari, non hanno commesso.

La prescrizione prima della riforma Bonafede.

Prima della riforma la prescrizione iniziava a decorrere dal giorno della commissione del reato  e “scadeva” con la pronuncia della sentenza definitiva, cioè fino a quando non c’era una sentenza pronunciata dalla Corte di Cassazione.

Cosa prevede la riforma Bonafede.

In buona sostanza la riforma prevede che lo scorrere dei termini della prescrizione si blocchi dopo la sentenza di primo grado indipendentemente dal fatto che l’imputato venga ritenuto colpevole o innocente. Quindi semplificando: non si potrà più far valere la prescrizione in appello e in Cassazione.

Perché litigano PD- M5S- Italia Viva e LeU

La riforma entrata ufficialmente in vigore il 1 gennaio ha già sollevato molti dubbi sia dentro che fuori i palazzi governativi, tant’è che sembra già pronta una correzione. PD- M5S e LeU avrebbero trovato un accordo (il così detto lodo Conte bis, dove per Conte si intende il deputato di LeU proponente la modifica). I tre partiti sarebbero d’accordo nel fare una distinzione tra condannati e assolti con il blocco della prescrizione solo per i condannati. Contrari alla riforma (modifica compresa) ci sono però i renziani che minacciano di non votare il lodo e di far cadere il Governo.

La durata dei processi 

Secondo un’indagine condotta dal Sole24Ore su dati del 2018 forniti dal Ministero della Giustizia,  la durata media dei procedimenti penali in Italia dalle indagini preliminari fino alla sentenza di Cassazione è di 1589 giorni.

A Torino tra l’apertura e la chiusura delle indagini passano in media 460 giorni. In Tribunale un processo può durare, sempre in media, più di 232 giorni mentre in appello i giorni diventano 665.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

- Advertisement -Nuova Società - sponsor
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Primo Piano

Coronavirus, Governo Conte verso la proroga delle restrizioni fino al 3 maggio

Il governo va verso il prolungamento del lockdown fino al 3 maggio. E' quanto si apprende da fonti sindacali al termine del vertice tra...

In Piemonte i guariti di oggi sono il doppio dei decessi

Altri 133 guariti in Piemonte, che arrivano oggi a quota 865 in tutta la Regione. 56 (+6) in provincia di Alessandria, 45 (+4) in...

Piemonte, Cirio chiude i supermercati per Pasqua e Pasquetta

Niente spesa nei supermercati per Pasqua e Pasquetta. Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato l'ordinanza che stabilisce la chiusura dei supermercati...

Coronavirus, Unione industriale Torino: “Mascherine bloccate da Inail”

L'Unione Industriale di Torino ha acquistato un ingente carico di mascherine per le imprese associate, 300.000 sono state importate dall'estero, ma forti ritardi burocratici...

Coronavirus, in Piemonte allarme usura

“La grave crisi di liquidità causata dall’emergenza Covid-19 è un terreno che anche in Piemonte potrebbe rivelarsi fertile per gli usurai”. La denuncia arriva...
- Advertisement -Nuova Società - sponsor