23.3 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Polemiche dopo l’aggressione a Napoli, Stefano Esposito: “Frutto della campagna populista”. Poi risponde a Versaci: “Chieda scusa lui per gli attacchi alla Procura”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

L’aggressione a Osvaldo Napoli da parte di alcuni attivisti del Movimento dei Forconi accende a Torino le polemiche tra Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle. Per Fabio Versaci, presidente del Consiglio Comunale, «è vergognoso quanto accaduto a Osvaldo Napoli che si è trovato davanti ad un gruppo di imbecilli», ma lancia un attacco verso il senatore del Pd Stefano Esposito che, portando la sua solidarietà all’ex deputato di Forza Italia, ha definito l’episodio come frutto di una «campagna populista portata avanti dai grillini».

Senatore Stefano Esposito come replica al presidente del Consiglio Comunale di Torino?

Versaci, nella sua qualità di presidente, prima di parlare o di proferire qualunque lamento dovrebbe chiedere scusa per gli attacchi alla Procura portati avanti da alcuni suoi colleghi. Mi riferisco in particolare alla solidarietà verso i condannati No Tav e quella dichiarazione di un’altra consigliera comunale che ha definito il Pd come colluso con la mafia. Quando chiederà scusa per questi due casi diventerà un interlocutore.

Il vicepresidente del Consiglio Enzo Lavolta ha chiesto che la Sala Rossa manifesti la sua vicinanza al consigliere aggredito a Roma. Come d’altronde la solidarietà è arrivata anche dalla sindaca e Versaci

Apprezzo che Versaci abbia manifestato la sua solidarietà verso Napoli ma voglio vedere quanti esponenti del Movimento Cinque Stelle davvero sottoscriveranno la solidarietà richiesta dal vicepresidente del Consiglio Comunale Enzo Lavolta.

La polemica è nata dopo un suo post su quella che chiama “campagna populista grillina”

Vorrei ricordare i comizi in cui Beppe Grillo invitava a circondare il Parlamento sotto lo slogan “Arrestateli”. È ovvio che questi appelli possano trovare sponda tra alcuni pericolosi cretini.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano