20.9 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Piemonte, Grimaldi: “Vaccinati solo la metà degli over 80, giunta Cirio ha fallito”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il capogruppo di Luv in Regione Piemonte Marco Grimaldi elenca dati, percentuali e numeri per dimostrare che fino ad ora la campagna vaccinale della giunta di Alberto Cirio è stata un insuccesso. 

A partire dalla popolazione over 80 le cui vaccinazioni sono iniziate più di un mese fa ma sembrerebbero essere ben lontane dalla fine: “Solo il 54% degli over 80 piemontesi ha ricevuto la prima dose di vaccino e solo il 13% la seconda. Per Icardi e Rinaudo tutti gli anziani avrebbero dovuto ricevere la prima dose nella seconda metà di marzo: obiettivo fallito” spiega Grimaldi.

“Nell’ultimo mese il Piemonte ha somministrato una media di 11.642 dosi al giorno, eppure per Cirio l’obiettivo minimo era di 15.500 dosi giornaliere per salire a 20.000: obiettivo fallito”, prosegue.

Il capogruppo di Luv osserva anche come mentre si va a rilento sui vaccini invece gli ospedali continuano a essere pieni: “Il Presidente si lamenta della mancanza di dosi ma del vaccino Moderna sono state utilizzate solo il 58,1% delle dosi disponibili e di AstraZeneca solo il 42,6%. In ultimo, all’ASL TO5 non ci sono più posti in rianimazione per i pazienti non Covid e ieri l’Ospedale di Moncalieri ha convertito gli ultimi quattro posti di terapia intensiva: i malati Covid vengono trasferiti in Provincia di Alessandria già da inizio marzo, paralizzando anche tutte le attività degli ospedali di Tortona e Novi Ligure” conclude Grimaldi. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano