15 C
Torino
martedì, 4 Agosto 2020

Novara, Aldo Beldì, il suo lavoro e la nostra storia diventano digitali

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Padre della pubblicità in Italia e novarese di nascita, Aldo Beldì, classe 1922, è stato creatore di slogan indimenticabili, e ancora utilizzati, come “E’ sempre l’ora dei Pavesini” o di “Caroselli” come quello con il celeberrimo “omino coi baffi” della caffettiera Bialetti.

La sua città, Novara, rende omaggio alla sua figura rendendo digitale il suo vasto archivio di produzioni. Partito dal suo garage è arrivato a creare più di 1300 tra manifesti, tavole, progetti e disegni. Il tutto sarà riordinato a digitalizzato per renderlo più facilmente fruibile. Il progetto, curato dall’Archivio di Stato di Novara e finanziato dal Fondo Pagani della Fondazione Comunità Novarese, anticipa una mostra e ad altre iniziative che saranno portate avanti nei prossimi anni.

- Advertisement -

A donare l’intero fondo documentale all’Archivio di Stato era stato, ormai quasi vent’anni fa, il figlio di Beldì, Paolo, notissimo regista televisivo di trasmissioni Rai come “Quelli che il calcio”, che, due anni dopo la scomparsa del padre, aveva radunato tutti i materiali disponibili e li aveva conferiti all’ente.

- Advertisement -

“I documenti di Beldì – ha commentato il direttore dell’Archivio di Stato di Novara Davide Bruno De Franco – sono lo specchio del cambiamento della società italiana. E per questo vanno valorizzati”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Prefettura e Regione fermano nuovi arrivi di migranti in Piemonte

Non ci saranno altri arrivi di migranti in Piemonte. È questo il risultato dell'esito dell'incontro in Prefettura tra il prefetto di Torino...

Concorso per dirigenti del Comune di Torino: candidati denunciano errori nella procedura

A seguito della pubblicazione da parte del nostro giornale dell’articolo sulla prima fase del concorso per dirigenti del Comune di Torino sono...

Coronavirus: Piemonte +15 positivi e nessun decesso

Sono 15 le nuove positività al Coronavirus registrate oggi in Piemonte. Sei sono asintomatiche. Tre dei casi sono importati. E' quanto si...

La guerra del retino. “Se non fermi tuo figlio hai meno neuroni del granchietto che ha messo nel secchiello”

“Vuoi insegnare a tuo figlio che non è normale e non è un gioco far morire in un secchiello un granchietto dopo...

Concorso per dirigenti Comune di Torino: su 700 candidati solo 36 passano. Polemiche in vista

Sono passati dieci anni dall’ultimo concorso per dirigenti bandito dal Comune di Torino, era infatti il 9 giugno 2010, concorso annullato dal...