25.2 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Morte di Erika Pioletti, lunedì lutto cittadino. Morano e Napoli: “Sospendiamo i festeggiamenti di San Giovanni”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

di G.Z.

Sarà lutto cittadino lunedì 19 a Torino per la morte di Erika Pioletti, vittima degli incidenti di piazza San Carlo. Lo ha fatto sapere nel corso della capigruppo il presidente del Consiglio comunale Fabio Versaci. Nella giornata di lunedì per ordinanza della sindaca Appendino le bandiere di enti pubblici, scuole e privati dovranno essere a mezz’asta, così come saranno interrotte tutte le manifestazioni musicali in programma nelle piazze.
Ma la tragica notizia della morte di Erika potrebbe anche portare ad annullare i festeggiamenti per San Giovanni in programma per il prossimo weekend. La richiesta è arrivata sempre durante la capigruppo dai consiglieri Alberto Morano e Osvaldo Napoli: «La città – spiegano – deve stringersi alla famiglia di Erika Pioletti e il modo migliore per manifestare la solidarietà e il lutto per la tragedia è sospendere i festeggiamenti programmati per la festa di San Giovanni». «Torino e i torinesi ben comprendono la gravità di quanto accaduto a piazza San Carlo e siamo convinti che apprezzerebbero questa decisione così come siamo convinti che un sindaco e una giunta responsabili non possano far finta di nulla di fronte alle responsabilità innegabili delle istituzioni e di fronte al dolore che ha colpito una famiglia» hanno concluso i due consiglieri.
Nel corso della capigruppo inoltre Fabrizio Ricca (Laga Nord) ha annunciato la sua intenzione di dimettersi dalla commissione consiliare di indagine sui fatti di piazza San Carlo istituita la scorsa settimana: «Sono convinto che la magistratura possa fare un buon lavoro e consegnarci i responsabili il prima possibile. Dopo la morte di Erika non ho più la serenità per portare avanti il mio lavoro nella commissione, quindi preferisco farmi da parte».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano