15.5 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Molinari (Lega): “Cittadini ci chiedono di incalzare governo su lavoro e occupazione”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“Una partecipazione straordinaria, in cui la gente ci ha chiesto di non mollare, di incalzare ancora di piu’ il Governo Pd 5 Stelle in Parlamento, ma anche nel Paese. Fra i piemontesi c’è forte consapevolezza della gravità del momento, e dell’assoluta inadeguatezza di questo esecutivo, che rischia di trascinarsi nel baratro”. Lo afferma il segretario della Lega in Piemonte, Riccardo Molinari, commentando i dati del primo sabato di luglio relativi ai gazebo del Carroccio in città e in Piemonte.

“Sono circa 900 i nuovi tesserati e decine di migliaia le firme raccolte per dire no alla sanatoria per i clandestini, alle cartelle di Equitalia e ai vitalizi dei parlamentari, la Lega in Piemonte – aggiunge Molinari – ha un autentico radicamento popolare, e i nostri sindaci sono risultati, anche nei giorni scorsi, tra i piu’ apprezzati dai cittadini, secondo una fonte super partes come la classifica annuale del Sole 24 Ore. Al Governo chiediamo di smetterla di litigare su temi come il Mes o la legge elettorale – conclude Molinari – e di occuparsi invece del fatto che a due milioni di lavoratori non e’ ancora arrivata la cassa integrazione: la potenza di fuoco di liquidita’ promessa da Conte ben poche imprese l’hanno vista, e la situazione del paese reale va affrontata con ben altra determinazione”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano