20.8 C
Torino
venerdì, 12 Luglio 2024

L’Onu alla Cavallerizza per discutere della Birmania. Ma è una simulazione per gli studenti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dibattito Birmania-Myanmar alla Cavallerizza Reale di Torino. Protagonisti però, gli studenti delle scuole superiori, che vestiranno i panni di ambasciatori e diplomatici per una simulazione di seduta dell’Onu. L’evento è organizzato dall’associazione United Network, con il patrocinio della Città e dell’Università di Torino che ha coinvolto un centinaio di giovani provenienti da oltre quindici istituti superiori del capoluogo piemontese e dell’Area Metropolitana, che proporranno bozze di risoluzione e terranno discorsi – interamente in lingua inglese – all’interno della Undp (Programma Di Sviluppo Delle Nazioni Unite). Ognuno in rappresentanza di un Paese aderente all’Onu, dovrà dibattere della transizione verso la democrazia della Birmania-Myanmar.
Le prime due sessioni a porte chiuse si terranno nell’aula magna della Cavallerizza il 13 e il 14 febbraio, durante le quali approveranno le loro risoluzioni di fronte a un parterre d’eccezione. Alcuni di loro, insieme a migliaia di ragazzi provenienti da tutto il mondo, parteciperanno alla prova che si svolgerà dal 4 al 7 marzo 2015 a New York, con una cerimonia conclusiva al Palazzo di Vetro dell’Onu.
Alla cerimonia di chiusura dell’appuntamento torinese in via Verdi, sono previsti gli interventi del Magnifico Rettore dell’Università di Torino Gianmaria Ajani e del Sindaco di Torino, Piero Fassino inviato speciale, dal 2007 al 2011, dell’Unione Europea proprio per la Birmania-Myanmar.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano