27.3 C
Torino
giovedì, 2 Luglio 2020

L’Islam entra negli ospedali di Torino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Torino, scoppia la rivolta contro la polizia in corso Giulio. Quattro anarchici fermati (VIDEO)

Secondo gli anarchici si è trattato di un sopruso delle forze dell'ordine, mentre la polizia replica che il tutto sarebbe scoppiato per impedire l'arresto...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È stata siglata una convenzione tra Città della Salute di Torino e Associazione Dawa: i volontari di fede islamica tra i 18 e i 24 anni, daranno il loro supporto all’ospedale infantile Regina Margherita e ai pazienti anziani dell’ospedale Molinette.

«Il nome dell’Associazione deriva dalla parola araba Dawa, che significa medicina. Rappresenta ciò che vorremmo realizzare, ovvero utilizzare il sorriso come cura. Dawa non é altro che un invito alla medicina del sorriso» – spiega Fatima Zahra, responsabile dell’associazione.

- Advertisement -

«Troppo spesso i musulmani vengono descritti con pregiudizio e diffidenza – commenta Mario Caserta, dell’Urp della Città della Salute diretta da Silvio Falco – Con questo progetto, i ragazzi dell’Associazione Dawa sapranno regalare un’immagine di gioventù con i loro sorrisi gentili e la loro disponibilità verso tutti coloro che hanno bisogno di aiuto, qualsiasi sia la loro fede».

- Advertisement -

Scritto da Marco Chessa, consigliere comunale di Torino del Movimento Cinque Stelle

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Torino 2021, la Lega pronta a governare la città

La Lega torna in strada a Torino. Dopo i mesi di lockdown che hanno costretto allo stop delle iniziative sul territorio parte...

Prodi: “Non serve lo scontro generazionale per costruire un futuro su basi solide”

“E’ solo dalla proposta, dai contenuti che può nascere una classe dirigente. Il generico cambiamento non rinnova le cose”. Con la consueta...

Tav, Lubatti (Azione): “De Micheli esca dall’ambiguità e passi ai fatti”

Sulla vicenda Tav interviene Claudio Lubatti, referente Nazionale Infrastrutture Azione il partito fondato da Carlo Calenda e Matteo Richetti.Lubatti chiede che sulla...

Raffaele Gallo (Pd): “Torino 2021 offra un progetto di sviluppo per l’intera area metropolitana”

Dal primo giugno copre la carica di capogruppo in consiglio regionale del Piemonte. Raffaele Gallo conduce col Partito Democratico a Palazzo Lascaris,...

Discriminazione omofobica all’Acquapark di Orbassano: dopo le scuse un gruppo formazione del Torino Pride istruirà i dipendenti

Martedì 25 giugno 2020, presso la piscina Blu Paradise Acquapark di Orbassano ad una coppia omogenitoriale, che ha trascorso la giornata con...