15.5 C
Torino
domenica, 26 Settembre 2021

La guerra dei civici per un posto al sole nel centrosinistra

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor
Moreno D'Angelo
Laurea in Economia Internazionale e lunga esperienza avviata nel giornalismo economico. Giornalista dal 1991. Ha collaborato con L’Unità, Mondo Economico, Il Biellese, La Nuova Metropoli, La Nuova di Settimo e diversi periodici. Nel 2014 ha diretto La Nuova Notizia di Chivasso. Dal 2007 nella redazione di Nuova Società e dal 2017 collaboratore del mensile Start Hub Torino.

Oggi sono tre le liste che si contendono l’area civica vicino al Pd (che appoggiano la candidatura di Stefano Lo Russo) che è stata quantificata intorno al 9%: La lista Civica per Lo Russo sindaco (guidata da Elena Apollonio (Demos Piemonte) , la civica “Torino Domani” di Francesco Tresso (La vera sorpresa delle primarie) e i Moderati. Questo polo civico, e la sua lista per Lo Russo, vede tra i promotori, oltre a Pino De Michele, anche Mario Giaccone consigliere regionale della lista Monviso.

Pino De Michele, è lo storico grande tessitore della vera politica del centrosinistra e del laboratorio dei movimenti civici torinesi. Un appassionato della politica pronto al dialogo, con un grande fiuto su tendenze e strategie di respiro non solo locale. E’ lui che studia, sorveglia e smuove lo scacchiere di quell’articolata realtà definita spazio civico politico torinese. Uno spazio composito che si è fino ad ora rivelato determinante nella scelta del Sindaco. Questo attraverso un crogiolo di mosse, azioni, contatti che diventano roventi prima di ogni competizione elettorale. “Lavoro per allargare lo spazio del centrosinistra e per sostenere il Governo Draghi”.

Tutti amici o forse no. Anche tra queste liste vicine si sta scatenando una ovvia concorrenza dopo le “discussioni” o meglio le battaglie per la presidenza delle Circoscrizioni. Realtà alquanto spuntate per fondi e margini d’azione. Intanto c’è chi armi e bagagli se n’è andato dall’altra parte senza tanti scrupoli. Per De Michele tenere la barra dritta con il governo Draghi è lavorare per allargare ulteriormente le alleanze rappresentano i fattore chiave per la tenuta del centrosinistra non solo a livello torinese.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor
per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano

Nuova Società - sponsor