14.7 C
Torino
martedì, 2 Marzo 2021

Il Comune pronto a vietare gli animali a fianco di chi chiede l’elemosina

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Vietato utilizzare gli animali per accattonaggio. E’ la proposta dei consiglieri Federico Mensio e Chiara Giacosa relativamente a una modifica del Regolamento di Tutela Animali del Comune di Torino

La richiesta dei due pentastellati è di vietare “qualsiasi specie animale per la pratica dell’accattonaggio. Gli animali di cui sopra saranno sequestrati e ricoverati presso il canile municipale o in strutture definite in accordo con l’Ufficio Tutela Animali”. 

“Nessun intento punitivo o volontà di separare chi vive per strada dai loro animali o di sanzionare i senzatetto” assicura il consigliere M5S Federico Mensio. “Il nostro intento – spiega – non è certo colpire chi ha un animale da compagnia, ma chi lo sfrutta appositamente per la pratica dell’accattonaggio. Si vogliono evitare i comportamenti che ledono al benessere degli animali e il nuovo regolamento speriamo abbia anche un effetto deterrente nei confronti di chi ha un animale non per affetto ma per sfruttarlo”.

Sulla proposta è intervenuta anche la sindaca Chiara Appendino: “Sappiamo tutti che per molte persone che vivono in strada la compagnia di un animale è estremamente preziosa. Infatti nessuno pensa di sottrarglieli. Tuttavia – sottolinea in un post – sappiamo anche che, in alcuni casi, questi animali vengono sfruttati senza alcuno scrupolo esclusivamente per le pratiche di accattonaggio. Dietro questi fenomeni si possono celare racket e veri e propri traffici”. La sindaca ha poi ribadito che “questa amministrazione ha sempre messo il tema della tutela dei più deboli al centro della propria azione. La povertà non è una colpa e ogni società che si rispetti ha il dovere di intervenire sulle cause ed estirparle. I problemi delle persone che dormono in strada si affrontano attraverso il lavoro di concerto delle istituzioni e delle associazioni che operano sul territorio e sono molte le realtà – conclude – che riconoscono l’efficacia dei sistemi di assistenza della Città”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano