12.9 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Gtt, servono 131 milioni di euro, 45 entro dicembre

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Scritto da Michele Paolino

La Regione avvisa il Comune: non si può più perdere tempo. È di 131 milioni di euro il fabbisogno finanziario complessivo fissato dagli Advisor perché Gtt possa tornare ad avere i conti in ordine e possa tornare ad investire. Di questi, 45 milioni sono necessari per la sopravvivenza stessa di Gtt entro la fine dell’anno.
A fornire le cifre è Aldo Reschigna, vice presidente della Regione, che ha risposto in aula questo pomeriggio ad una richiesta di comunicazioni.
«I disallineamenti contabili sono in essere sia con la città di Torino che con l’Agenzia regionale per la mobilità. Da ieri sono riprese le trattative sul tavolo tecnico e la Regione ribadisce la propria disponibilità ad una transazione sulle poste relative all’Agenzia Regionale sulla base di una cifra che deve venire fuori dal at volo tecnico», afferma il vicepresidente del Piemonte che esclude categoricamente che per questa transazione non possono essere utilizzate le risorse, 40 milioni, in arrivo dal Governo nazionale: «per chiudere queste transazioni gli enti interessati devono utilizzare risorse proprie».
Reschigna si è detto preoccupato del fatto che all’interno del piano industriale non ci sia piena copertura «senza la quale non si può mettere denaro pubblico», che in azienda ci sia un problema di governance e che ci sia bisognodi costruire consenso sociale e politico sul piano industriale stesso.
Il tempo stringe, sono in ballo le sorti dell’azienda di trasporto pubblico torinese e dei suoi dipendenti.
«Una soluzione si può trovare – ha concluso Reschigna – È necessario decidere in fretta e che ognuno si assuma le proprie responsabilità. Preoccupa il passare del tempo».

 

Photo by Filippo Andolfatto on Unsplash

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano