27.8 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Grattacielo Regione Piemonte: ipotesi di finanziamento illecito alla Lega da Coopsette, già indagata per il Tav

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Perquisizioni questa mattina a Torino nell’ambito dell’inchiesta della Procura sulla costruzione del grattacielo che ospiterà al sede della Regione Piemonte nel quartiere Lingotto.
Una nuova ipotesi di reato servirebbe a farsi largo nella vicenda: secondo gli inquirenti infatti una delle società che hanno vinto l’appalto per la costruzione del grattacielo, la società di Reggio Emilia Coopsette, dopo aver ricevuto l’incarico avrebbe versato 50mila euro ad un’associazione sportiva di Bra, in provincia di Cuneo. La Asd “Monviso-Venezia” organizza i tour della Padania in bicicletta per la Lega Nord. Quindi l’ipotesi al vaglio della Procura è che quei 50mila euro siano un finanziamento illecito al partito dell’ex governatore Roberto Cota.
Le perquisizioni delle Fiamme Gialle hanno riguardato gli uffici della società che tra l’altro ha degli appalti anche legati ai lavori per il treno ad Alta Velocità ed è stata coinvolta in guai giudiziari a Firenze con accuse di corruzione, frode e truffa, riguardante i prezzi del cantiere per la Tav che secondo la procura del capoluogo toscano sarebbero lievitati.
Invece nell’autunno 2013 il presidente di Nodavia, società controllata di Coopsette, Fulvio Saraceno venne arrestato per i reati ipotizzati di corruzione e associazione a delinquere sempre nell’ambito dell’inchiesta legata alla Tav.
La Coopsette inoltre si è occupata dei lavori della metropolitana di Torino.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano