19 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Fassino furioso ai Forconi: “State danneggiando la città”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il sindaco di Torino , Piero Fassino, è letteralmente furioso. Dopo i disordini di ieri, la mobilitazione e i blocchi stradali che continuano per tutta la città rendendo difficoltosa se non impossibile la viabilità, il primo cittadino ha deciso di indire d’urgenza una riunione del Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico, convocata dal prefetto Paola Basilone, a cui parteciperanno le istituzioni locali e gli organi di polizia.
Una misura per fare il punto della situazione che dal 9 dicembre sta paralizzando il capoluogo piemontese.
Netta la condanna di Fassino: «Un fenomeno ribellistico che sta danneggiando i cittadini». «Di fronte a quanto è avvenuto le ragioni della protesta spariscono, sono stati adottati metodi da guerriglia urbana – ha detto ribadendo che – non è accettabile che si paralizzi la vita di una città» – e bollando come «qualunquiste» le parole d’ordine dei manifestanti.
«Il movimento dei forconi è irresponsabile». «Le ragioni di disagio alla base della protesta sono comprensibili – continua Fassino – ma sconvolgere la vita dei cittadini è inaccettabile».
«Nel corso della giornata la composizione dei gruppi che protestavano variava – spiega – Passavamo da gruppi di ambulanti, a ultrà dello stadio a alcuni settori del trasporto merci. È una forma di ribellismo che naturalmente affonda le sue radici in una situazione di crisi che porta a forme di esasperazione. Si può comprendere tutto ma non si può comprendere che si sconvolga la vita di una città, la vita dei cittadini cui è stato impedito di portare i bambini a scuola, stamattina è stato bloccato il mercato ortofrutticolo da cui devono uscire le merci per rifornire i mercati. Tutto questo non ha niente a che vedere con le legittime rivendicazioni. Siamo di fronte a un fenomeno ribellistico – conclude – che produce soltanto danni ai cittadini, non alle istituzioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano