21.9 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Dopo il crollo a Torino dei Cinque Stelle, Versaci: “Follia pensare che noi molliamo”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il già presidente del consiglio comunale di Torino, il consigliere pentastellato Fabio Versaci è tra i primi dei suoi a commentare la “batosta” europea, che vede il suo Movimento ottenere il 13,3 percento.

Ma Versaci calma subito gli animi di chi all’opposizione, Partito Democratico su tutti, parla già di una sconfitta di Appendino. Non solo. Versaci rimarca il fatto che è impensabile ipotizzare che la sindaca e la sua maggioranza cadano prossimamente per la debacle del Movimento Cinque Stelle.

«Ma non cambia niente per quanto riguarda la nostra amministrazione – spiega Versaci – è follia pura pensare che noi molliamo dopo questo risultato».

«Noi abbiamo vinto nel 2016 e il nostro mandato scade nel 2021. Solo allora si potranno trarre delle conclusioni. Nel 2013 il Movimento Cinque Stelle prese molti voti, ma giustamente Piero Fassino non è che ci fece entrare in giunta per questo», aggiunge l’esponente pentastellato.

Fabio Versaci infine usa l’ironia per commentare il voto in generale, rivolgendosi al vicepremier Luigi Di Maio: «Caro Luigi è tutta colpa tua. Dovevi lasciare i vitalizi. Dovevi lasciare le pensioni d’oro.  Dovevi prendere i rimborsi elettorali. Dovevi tenerti tutto lo stipendio. Dovevi fare una bella legge ad personam
Dovevi fare solo propaganda. Dovevi impedire a Bonafede di fare la spazza corrotti. Dovevi lasciare il Paese senza reddito di cittadinanza. Dovevi lasciare la legge Fornero. Dovevi lasciare il jobs act.
Dovevi batterti per tenere Siri nel governo. Dovevi fregartene di tutti quegli operai che perdono il lavoro.
Dovevi tenerti tutti i privilegi. Dovevi farti i fatti tuoi e non fare un governo.Dovevi sistemare qualche amico. Dovevi fare subito il TAV. Dovevi farti le foto mentre mangiavi la nutella».

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano