25.2 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

Della Rocca (Associazione Vittime del Terrorismo) contro la puntata di Atlantide: “Brigatisti raccontano crimini come fossero barzellette”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nessun contraddittorio. Un atteggiamento irritante ed irriverente da parte dei protagonisti. Roberto Della Rocca, presidente dell’associazione italiana vittime del terrorismo, commenta duramente la trasmissione Atlantide e le cui puntate del 12 e 14 marzo andate in onda su La7, erano dedicate al rapimento di Aldo Moro.
Il presidente dell’organizzazione che raccoglie i familiari e le persone colpite dagli attentati durante gli anni di piombo spiega: «vedere e ascoltare pluriomicidi che, sovente con il sorriso sulle labbra, narrano le loro nefando imprese e si vantano dei loro crimini s’e in assenza di un puntuale e diretto contraddittorio, ci ha fatto male e ci ha indignato».
«È stata una trasmissione in cui brigatisti è stato concesso di giustificare e di fare apologia delle loro azioni criminali», aggiunge Della Rocca.
Secondo il presidente molto iscritti all’associazione non se la sono sentita di guardare quando veniva trasmesso anche perché, continua Della Rocca «i pluriomicidi seriali raccontavano le loro prodezze quasi fossero barzellette».
«Per noi vittime di quegli attentati, vili non meno che feroci, è stato uno spettacolo indegno».
Della Rocca conclude: «A noi superstiti incombe il dovere di serbare intatta la memoria della verità storica, da trasmettere alle nuove generazioni a monito e a salvaguardia del pericolo del reiterarlo della tragedia di allora».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano