11.8 C
Torino
martedì, 13 Aprile 2021

Damiano Carretto aderisce al Movimento 4 ottobre. Nuovo gruppo in Consiglio comunale

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Damiano Carretto, ex Movimento 5 Stelle, che nei mesi scorsi aveva lasciato la maggioranza in Sala Rossa per passare al Gruppo Misto ha aderito al Movimento 4 ottobre (M4O), il nuovo movimento creato dai fuoriusciti pentastellati in Regione Piemonte Francesca Frediani e Giorgio Bertola e che ora approda anche in Comune. 

Carretto ha infatti scritto al presidente del Consiglio Comunale Francesco Sicari per annunciare la sua adesione al gruppo. “Il progetto M4O porta avanti quei valori che mi rappresentano: la tutela dell’ambiente e del territorio senza compromessi (e non il “green washing” che va tanto di moda ora), la mobilità sostenibile, l’attenzione per lavoro e la salute, lo stop alle opere inutili e dannose (Il TAV Torino-Lione innanzitutto), il sostegno alle fasce più deboli della popolazione, la sanità e la scuola pubblica e la lotta alle privatizzazioni scellerate del patrimonio pubblico. Ho intenzione di continuare a portare avanti queste battaglie all’interno del Consiglio Comunale di Torino, garantendo la ferma adesione a valori che per me sono irrinunciabili” ha annunciato Carretto in un post sulla pagina Facebook della nuova forza politica.

Carretto ha poi espresso soddisfazione per tornare a “collaborare con Francesca Frediani Consigliere Regionale e Giorgio Bertola, con cui negli anni ho condiviso molte battaglie. Siamo a disposizione di tutte quelle persone che continuano ad avere una speranza di reale cambiamento per Torino e che non si rassegnano all’egemonia del Sistema Torino di cui ormai fanno parte la Sindaca Appendino e il Movimento 5 Stelle”. 

Riguardo gli obiettivi del Movimento, che prende il suo nome dalla data del 4 ottobre 2009, quando il Movimento 5 stelle fu fondato da Beppe Grillo, e vuole proprio richiamarsi al modello originario pentastellato, Carretto conclude: “Il nostro obiettivo è dare vita ad un soggetto politico che rimetta al centro del dibattito tutte quelle istanze dimenticate dagli attuali partiti, che dia voce a chi si sente tradito e abbandonato dalle istituzioni e che è stanco di promesse non seguite dalla coerenza”. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano