20.4 C
Torino
mercoledì, 17 Luglio 2024

Costigliole d'Asti, la scomparsa di Elena Ceste diventa un giallo. Per il marito la donna era perseguitata

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Le ricerche per Elena Ceste, 38 anni, la madre di quattro figli scomparsa dalla piccola frazione Motta di Costigliole d’Asti, sono state sospese per il maltempo.
Ma entro la serata, se le condizioni meteorologiche miglioreranno, potrebbero riprendere: «E’ logisticamente impossibile lavorare con questo tempo – hanno dichiarato gli inquirenti – Speriamo in un miglioramento nel pomeriggio».
Ormai sono sei giorni che la donna si è allontanata senza occhiali, documenti, cellulare e auto dalla sua abitazione.
I soccorsi e le forze dell’ordine stanno battendo tutta la zona concentrandosi soprattutto sulle sponde del fiume Tanaro, senza tralasciare però pozzi, cisterne, serre e rustici.
Elena Ceste, che per gli inquirenti si è allontanata volontariamente dalla sua abitazione, sembra essersi volatilizzata nel nulla.
L’ultima notizia che si ha di lei risale alle 8.15 di venerdì, quando la donna ha telefonato al marito Michele Buoninconti, vigile del fuoco di Alba, affinché accompagnasse i quattro figli a scuola. Al suo rientro pochi minuti più tardi della donna non si avevano più notizie.
Chi l’ha vista prima della sua scomparsa sono stati i vicini di casa: vestita leggera con una maglietta a maniche corte nel giardino di casa, c’è chi invece la ricorda mentre, tutte le domeniche, accompagnava i figli a messa.
Mentre però, come detto, i carabinieri stanno battendo la pista dell’allontanamento volontario, il marito parla di un «un ricatto da parte di un conoscente che aveva anche mandato a Elena parecchi messaggini».
Insomma per ora rimane solo un’ombra che è calata da venerdì sulla vita di quella mamma di Costigliole d’Asti. Una nebbia fitta come quella delle valli del Tanaro.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano